IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tares: bollettini in ritardo, rischio more e proroghe. Caos per i contribuenti foto

Liguria. E io pago. Col rischio di pagare anche di più, e per colpa di qualcun altro. Questo il pensiero di molti italiani che, in queste ore, sono impegnati nella corsa al pagamento della Tares, la tassa sui rifiuti.

I relativi bollettini, infatti, sono arrivati solo venerdì nelle case degli italiani, mentre la scadenza è oggi. Di più: in alcune case l’avviso è giunto solo questa mattina, con una serie di ritardi e mancate consegne che rischiano di ricadere sulle spalle del contribuente.

E così se il 16 dicembre è comunque la data di scadenza della quota che va allo Stato, pari a 30 centesimi di euro per metro quadro, alcuni Comuni hanno pensato di ricorrere a una proroga per evitare il sovraffollamento degli uffici postali sotto le feste natazilie.

Gli avvisi giunti a casa riportano comunque la “postilla” che recita: “Nel caso in cui il presente avviso venga recapitato in data successiva alla scadenza del 16 dicembre, o immediatamente a ridosso della stessa, il pagamento sarà considerato regolare se effettuato nei dieci giorni successivi al ricevimento dell’avviso”.

Anche nel Savonese si denunciano ritardi: ad esempio, a Savona gli avvisi sono arrivati oggi, a Cairo e Loano non sono ancora pervenuti. Inoltre oggi scade anche il termine per il versamento della seconda rata dell’Imu 2013 sulle seconde case.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enry

    La responsabilita’ non sara’ di nessuno anche questa volta.
    Io ringrazio il sindaco di Cairo ( come massimo responsabile dell’amministrazione ) per aver provveduto a farmi perdere mezza giornata a cercarmi gli F24.
    Ma ho buona memoria!