IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Serial killer evaso, dura reazione del ministro Cancellieri: “Il carcere conosceva il curriculum criminale di Gagliano”

Roma. Sia il magistrato di sorveglianza che il carcere erano a conoscenza dell’ampio curriculum criminale di Bartolomeo Gagliano, il serial killer non rientrato nel carcere di Genova dopo un permesso premio. A dirlo è stato il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, riferendo alla Camera sulla vicenda.

“Non è da un singolo episodio che si possono trarre conclusioni affrettate ed emotive su istituti irrinunciabili per l’attuazione del principio costituzionale della rieducazione della pena” ha aggiunto ancora il ministro sull’argomento.

Il Ministro ha anche voluto fare una precisazione sulle dichiarazioni del direttore del carcere di Marassi. Parole dalle quali era passato il messaggio che dalla direzione della casa circondariale non si conoscesse il passato di Gagliano: “Bisogna sgombrare il campo dagli equivoci sorti dopo le prime dichiarazioni del direttore del carcere di Marassi che sembrava sostenere che il carcere non aveva conoscenza della storia criminale del detenuto, cosa smentita dalla corrispondenza intercorsa tra la direzione del carcere e la magistratura di sorveglianza”. Il giudice di sorveglianza “ha concesso il permesso sulla base di tutti gli elementi di conoscenza che erano necessari al fine di adottare quella delicata decisione, stando alle risultanze sin ad ora acquisite” la precisazione del Ministro.

Nel 2011 sono stati concessi 21.923 permessi premio a detenuti con 48 mancati rientri, nel 2012 25.275 permessi e 52 mancati rientri ed analoghi sono i dati del 2013. “Si tratta di una percentuale di violazione di molto inferiore all’1%. Senza contare che, nella maggior parte dei casi, gli evasi vengono ricondotti all’interno del carcere”, ha concluso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Schiavi del SiStEmA

    il caso grave è quello che il “fine pena” sarebbe avvenuto tra 1anno!
    E che non era il primo permesso del quale usufruiva e chissà quante volte ha girato liberamente senza controllo nella nostra città

  2. Scritto da protestaligure

    Chi è responsabile?

    Perchè licenza premio a un’assassino…

  3. Bandito
    Scritto da Bandito

    Vorrei sapere una cosa, se adesso quest’individuo ammazza qualcuno chi la paga?

  4. Scritto da notorious

    Non da un singolo episodio ma da un caso limite