IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero dei Forconi, Trasportounito contro “la politica miope ed incapace”

Più informazioni su

I danni all’economia che deriveranno dalla protesta dei Forconi a partire dal 9 dicembre “sono da attribuirsi alla politica miope e incapace di affrontare concretamente i problemi che sono alla base dell’economia reale”. Lo afferma Maurizio Longo, segretario generale di Trasportiunito, organizzazione del settore dell’autotrasporto che aderisce alla mobilitazione.

“Al Governo abbiamo chiesto semplicemente un sistema di regole chiare, concrete e applicabili oltre ad interventi urgenti per la Sicilia e la Sardegna. In cambio avremmo anche dato la nostra disponibilità a rinunciare ai 330 milioni di euro che il Governo ha assegnato alla categoria” aggiunge Longo riferendosi al recente accordo sottoscritto dalla quasi totalità delle sigle degli autotrasportatori.

“Anche in questo settore – conclude – se non si rottamano istituzioni vecchie e costose come ad esempio l’Albo degli Autotrasportatori unitamente ai ‘boiardi’ del settore, il Paese non uscirà dalla morsa della sfiducia e della delegittimazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Vedo che questa protesta viene messa in secondo piano…qualcuno inizia a grattarsi il didietro? Qualche politico o industrialotto facente parte dei furbetti del quartierino inizia a sentire un pochino di fiato sul collo? Finalmente si incomincia a sentir parlare di cacciare via per davvero la classe politica in massa; classe giunta sugli scranni grazie a bunga bunga e giochetti di carne o di sedere. Che prendano 50 voti in totale in città con 1.000, 10.000, 100.000 o 1 milione di abitanti e poi vediamo se a Roma qualcuno si sveglia finalmente.