IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riforma legge sottotetti, Melgrati: “Opportunità mancata per risolvere i problemi di 300 famiglie a Villanova”

Regione. Ieri sera il capogruppo in Regione Liguria di Forza Italia Marco Melgrati ha partecipato ad una riunione pubblica organizzata dal movimento Futura e dal suo portavoce, Valerio Favi, a Villanova d’Albenga, presso il Centro Sociale. Oggetto della serata il nuovo Disegno di Legge per la modifica della legge 24/2001 sui sottotetti, approvato di recente in Giunta Regionale e proposto dall’assessore Gabriele Cascino all’attenzione della VI Commissione Urbanistica, competente per l’approvazione, per poi essere votata in Consiglio Regionale.

Afferma Melgrati: “Al di là della inopportunità di approvare una legge di riforma di questa buona legge approvata dal centrodestra sotto la presidenza di Sandro Biasotti prima della sentenza della Corte Costituzionale, simile se non uguale alle leggi in vigore in quasi tutte le Regioni italiane, ho posto l’attenzione sugli articoli 6 e 7 di questo nuovo Disegno di Legge, che se diversamente formulati avrebbero potuto ‘salvare’ la situazione drammatica di circa 300 famiglie che vivono con la ‘spada di Damocle’ della Procura di Savona sulle proprie abitazioni, dichiarate illegittime sia dalla Procura stessa che dalla Regione Liguria”.

“Infatti – prosegue – l’art. 6, al titolo ‘specchietto per le allodole’ Salvezza delle discipline per il recupero dei sottotetti già approvate successivamente all’entrata in vigore della l.r. n. 24/2001, recita: Sono fatte salve le vigenti discipline per il recupero dei sottotetti esistenti inserite negli strumenti urbanistici comunali successivamente all’entrata in vigore della legge regionale n. 24/2001; se l’articolo di fermasse qui sarebbe quasi automatica la sanatoria per le abitazioni abusive generate da una interpretazione errata del P.r.g. della città di Villanova da parte dell’ufficio Tecnico… purtroppo non è così, perché l’articolo continua con: ove contenenti regole più restrittive rispetto alle disposizioni dell’articolo 2, commi 3,6 e 8 della l.r. n. 24/2001 e s.m”.

Continua Melgrati: “Appare fin troppo ovvio che le norme del P.r.g. Villanovese non sono evidentemente più restrittive e rigorose rispetto alle nuove regole introdotte dalla presente legge (a titolo di esempio si possono richiamare l’eventuale individuazione di ambiti territoriali in cui non risultino ammessi gli interventi in argomento, i limiti relativi all’altezza minima del locale sottotetto esistente, i divieti di innalzamento della linea di colmo, i limiti più restrittivi alla possibilità di innalzamento delle linee di gronda). Questo sarebbe il meno se con l’art. 7 non si facesse un richiamo esplicito al limite massimo di incremento volumetrico ammissibile nell’ambito di detti interventi di ristrutturazione edilizia, che rimane quello già previsto nell’attuale lettera f), dell’art. 10, comma 2 della Legge Regionale n. 16/2008 e s.m. costituito dalla soglia del 20% del volume geometrico dell’edificio esistente, intendendo per esistente l’edificio che deriva dall’indice edificatorio per le nuove costruzioni”.

“Appare chiaro che la soglia del 20%, invalicabile per gli interventi di ristrutturazione edilizia che non sconfinino in nuova costruzione, è insufficiente per tutti i casi della realtà del comune di Villanova d’Albenga. Servirebbe a salvare solo il 20% della superficie delle mansarde… Se la legge rimarrà così ancora una volta la politica della giunta di Sinistra-Centro della Regione Liguria non avrà saputo, voluto e potuto dare risposte ai cittadini, che forse non hanno ancora appieno preso coscienza del dramma che si apprestano a vivere, con case a cui verrà revocata la agibilità, che non potranno essere vendute come abitabili, e a questi proprietari che con fatica le hanno acquistate a cui le banche prima o poi chiederanno ragione dei mutui erogati. Il presidente Burlando e l’assessore Cascino hanno il dovere ‘morale’ di trovare una soluzione “politica” e amministrativa a questo problema, che tocca 300 famiglie e le vie ci sarebbero… basta avere il coraggio di trovarle; e il Comune di Villanova deve ammettere con forza che ha sbagliato nel forzare l’interpretazione di una norma” conclude Melgrati.

“Ieri abbiamo fatto il terzo dibattito pubblico a villanova sui sottotetti e il consigliere Melgrati ha fatto una relazione di grande fattura tecnica. Credo che a questo punto sia la Regione Liguria che il Comune debbano prendersi le vere responsabilità. La Regione fa Pilato ed il comune non accetta la propria responsabilità. Mi chiedo perchè se uno ha sbagliato non lo possa dire tranquillamente in pubblico. La politica oggi ha fallito su tutti i fronti. Rimango del’idea che chi vuole il bene dei cittadini abbia l’onere di combattere sempre ma con fermezza e senza altri scopi ma per la chiarezza e l’onestà intellettuale” il commento di Valerio Favi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. A lbenga
    Scritto da A lbenga

    @mafalda se, come tu scrivi, “melgrati studia…”
    , vuol dire che non capisce oppure studia male. Nei suoi continui interventi è riuscito a fare più autogol che altro.
    Io ho una proprietà a villanova… e non vorrei che l’incompetenza di questo personaggio compromettesse tutta la vicenda.
    Per cortesia fatelo tacere !!!!!

  2. Scritto da Mafalda

    …anch’io mi sono persa la riunione di ieri, però’ anche questa Futura poteva informare meglio la cittadinanza…
    Io non giustifico il modus comunicativo di melgrati ANZI, ma lo stimo solo perché’ almeno lui prende una posizione su questa nuova norma, perché’ nessuno dice pubblicamente che non sanando Villanova in questa nuova legge regionale non ci sarà’ un’altra occasione per risolvere questo problema… Perché’, e’ questa la domanda che pongo a tutti gli amministratori, la norma regionale andrà’ incontro a Villanova? Se si’ ditelo chiaramente ma se non e’ così cosa aspettate a dire pubblicamente che la giunta regionali ci ripensi…?
    Poi se melgrati lo dice con toni accesi e’ affar suo, però’ per lo meno perde del tempo, studia la pratica e dice la sua opinione, dove sono tutti gli illustri scienziati al riguardo???
    Fatevi un’esame di coscienza e non attaccate le persone anche se in maniera non condivisibile esprimono opinioni e soluzioni concrete e ci mettono la FACCIA…….

  3. Scritto da iron man56

    Premetto che ieri non ho partecipato alla riunione, però’ perché’ vi accanite con Melgrati e non ve la prendete con Miceli che era anche lui invitato alla serata…?
    Non bisogna attaccare a prescindere se uno e non la pensa come………VOI.

  4. A lbenga
    Scritto da A lbenga

    Ecco nuovamente il consigliere regionale che fa solo rumore senza mai quagliare niente che esterna i suoi rumori. Sui sottotetti a Villanova ha creato più danno che altro. Vaccarezza fallo tacere !!!