IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Reefer, trovato l’accordo: i lavoratori verso il ricollocamento nell’area portuale

Vado Ligure. A due settimane di distanza dal respingimento della proposta aziendale relativa a rimodulazione dell’orario e ammortizzatori sociali da adottare, è stato finalmente raggiunto oggi l’accordo per Reefer Terminal. L’assemblea dei lavoratori, infatti, ha dato il proprio consenso alla bozza dell’accordo.

Venerdì scorso, presso l’Unione Industriali, si era tenuto un incontro tra Alessandro Piccardo, amministratore delegato della Reefer, e il direttore Alessandro Berta. Sulla base di quanto stabilito in tale circostanza e nei precedenti incontri, l’accordo prevede, relativamente alla parte istituzionale, la possibilità di ricollocazione dei lavoratori nel progetto di sviluppo dell’area portuale.

Per quanto concerne gli esuberi, l’azienda aveva ritirato le procedure di mobilità, 66 licenziamenti, “congelate” con l’attivazione della fase di raffreddamento prevista dalle normative vigenti nel settore portuale.

I lavoratori avevano chiesto di trovare soluzioni alternative; invece si è optato per una cassa integrazione della durata di un anno. Tuttavia, quest’ultima soluzione dovrà essere verificata con la Regione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rapalino

    In poche parole una parte dei posti di Maersk verrà coperta da questi lavoratori……………..i voli pindarici di Canavese, prima, e Miazza, dopo, si dimostreranno delle clamorose bufale.
    Credere in una piattaforma INUTILE e non vedere la crisi a poche centinaia di metri è stata solo una scelta politica e chi ne fà le spese come al solito sono i poveri operai ai quali auguro un futuro migliore.

    Agli altri dico solo:

    VERGOGNA!!!!