IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Protesta Albenga, studenti in piazza tra voglia di riscossa e paura di eventuali sospensioni

Albenga. Il corteo arrivato ad Albenga da Alassio e che comprende molti studenti, in particolare dell’alberghiero “Giancardi”, ha toccato varie tappe, tra cui i licei ingauni (con l’invito rivolto ai “colleghi” in aula ad unirsi alla protesta), la sede di Equitalia, il centro storico e piazza del Popolo.

Forconi giorno 3

Al passaggio dei manifestanti – un centinaio – i commercianti, un po’ per paura e un po’ per solidarietà, hanno abbassato le saracinesche. Significative le facce riprese dalle nostre telecamere, con negozianti impegnati a spostare la merce esposta all’esterno dei loro negozi con fare piuttosto preoccupato.

I ragazzi sono andati avanti a suon di slogan, bloccando il traffico cottadino, ma non per molto. I loro pensieri, ora, sembrano più che altro rivolti alle conseguenze delle loro scelte: c’è chi parla della possibilità che il “Giancardi” prenda provvedimenti contro chi ha preso parte allo sciopero, e così, in men che non si dica, scatta una vera e propria “fobia” con telefonate a casa per dire a mamma e papà di coprirli nel caso la scuola chiamasse per sapere che fine avessero fatto i loro figli.

Dopo la pausa pranzo sembra comunque che il corteo riprenderà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CC

    Vorrei far notare che sono ci sono solo ragazzini che con questa scusa si son saltati la scuola e non persone adulte con REALI PROBLEMI ECONOMICI che avrebbero tutto il diritto di protestare (anche se la protesta che paralizza una città alla fine è controproducente perchè gli unici che ci rimettono sono le persone che arrivano in ritardo al lavoro da dipendenti o saltano visite mediche prenotate da mesi ecc. quindi non so fino a che punto serva, a Roma continuano a fare la bella vita alla faccia nostra)..il colmo poi è che si fanno le foto e i filmatini con smartphone ultimo modello o Iphone da 800 euro..