IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio: ecco il piano di salvataggio, tra investimenti e riduzione del debito foto

Regione. Più che un piano industriale di rilancio un piano di salvataggio dell’azienda aeronautica, che sta perdendo 3 mln di euro ogni mese e con una situazione debitoria non più sostenibile. E’ quanto è emerso nel tavolo che si è svolto in Regione sul futuro della Piaggio Aero Industries per la verifica dell’Accordo di programma, alla presenza di azienda, istituzioni e organizzazioni sindacali.

La Piaggio ha comunicato la volontà di voler concentrare la produzione nel solo stabilimento di Villanova d’Albenga (con la ripresa dei lavori nel cantiere a partire da gennaio per completare il trasferimento da Finale entro la primavera 2014), con Sestri fortemente ridimensionata; inoltre ci saranno esternalizzazioni per la attività non più remunerative.

Delusione da parte dei sindacati, in quanto l’azienda non avrebbe fornito numeri sull’occupazione e tantomeno affrontato la delicata partita degli ammortizzatori sociali per i lavoratori. “Sul piano occupazionale ci rivedremo l’8 gennaio, mentre per la cassa integrazione è stata fissata una verifica con il Ministero già la prossima settimana. Per noi i due stabilimenti, Villanova e Sestri, restano sulla stessa barca e per questo il confronto con l’azienda non finisce certo con questo incontro” afferma Andrea Pasa della Fiom Cgil.

Quanto alle linee produttive è stato confermato da Piaggio la volontà di investire nel rinnovo di impianti, macchinari e processi produttivi, con particolare riferimento al business dei motori aeronautici ad alta tecnologia. L’azienda proseguirà anche nello sviluppo dei droni e nel velivolo P.180 Avanti II. L’obiettivo è arrivare al 2017 con la produzione di 30 velivoli tra P180 e pattugliatori. Rimane, però, da definire la ristrutturazione del debito dell’azienda accumulato in questi anni di crisi industriale, in parte compensato dai 190 mln di euro relativi alla ricapitalizzazione e per un’altra parte dalla necessità di definire un accordo con le banche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.