IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio Aero, lavoratori finalesi in assemblea: “No a riduzione delle maestranze” foto

Finale Ligure. Al nucleo sindacale finalese della Piaggio Aero, che oggi ha coordinato l’assemblea dei lavoratori, non sono piaciute le dichiarazioni dell’ad Alberto Galassi e l’anteprima di piano industriale illustrata ieri.

Assemblea Piaggio Finale

A Sestri la situazione è d’emergenza, con la fabbrica che rischia la chiusura. Per il ponente ligure invece i vertici dell’azienda aeronautica hanno confermato quanto previsto: il trasferimento a Villanova entro il 2014, anche se si vuole affidare parte della produzione, quella “a basso valore aggiunto”, a ditte esterne.

I rappresentanti dei lavoratori vogliono avere maggiori dettagli sul piano, per il quale ieri il management ha presentato solo le linee guida. Andrea Pasa della Fiom Cgil commenta: “Abbiamo informato i lavoratori sull’andamento della riunione con l’azienda, che non è andata bene. Dopo un anno e mezzo ci è stato presentato il piano industriale: sono linee guida che non posso essere accettate. Si prevede il grosso ridimensionamento che, nonostante sia soprattutto su Sestri, andrebbe a toccare anche Finale”.

“C’è un accordo di programma secondo cui, prima di esternalizzare, bisogna saturare gli stabilimenti locali, e secondo cui tutti i lavoratori di Finale devono essere trasferiti nel nuovo sito di Villanova. E la Piaggio ora non è in linea con gli accordi” conclude Pasa.

“Il problema c’è ed è evidente – sottolinea Gianni Mazziotta, segretario della Uilm savonese – Attendiamo la data dell’8 gennaio per avere maggiori dettagli: sicuramente non sarà indolore. Vorremmo capire meglio perché di solito l’azienda presenta piani con carichi di lavoro che poi, nel tempo, vanno a scemare. C’è bisogno di un tavolo per discutere quella che è la produzione e le sue prospettive”.

“Sino ad ora l’azienda ha soltanto detto che vuole spendere al meglio i 90 milioni di euro della ricapitalizzazione – afferma Raimondo Cirino, della Rsu Fim Cisl di Piaggio Aero – Ma quello che ci interessa in assoluto, nel bene di tutti, è che le maestranze rimangano quelle che sono adesso. Al di là del problema dei due siti, che si verificherà con la Regione. Non possiamo tollerare esuberi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Riduzione delle maestranze? Sarebbe più corretto dire, nei confronti delle maestranze stesse, “annullamento delle maestranze”. Le solite ipocrisie, il solito fumo negli occhi all’opinione pubblica. Scommetto che sulla Piaggio Aero aleggia la presenza di Vesco: “Dove c’è Vesco ci sono tagli”.

  2. Scritto da voce vera

    Infatti lo stabilimento di Sestri sciopera da 3 giorni e oggi sono tutti davanti alla Prefettura…. E Finale 1 ora di assemblea e domani un centinaio di persone a fare straordinario… Ci vorrebbe solidarietà e unione sia sindacale che aziendale…