IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Operazione antidroga “Snakes”: altri due arresti e mezzo chilo di “coca” sequestrato foto

Albenga. Ancora un colpo di coda dei serpenti (Snakes): questo è il nome dato dalla gang marocchina ai carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Albenga guidati dal Cap. Michele Morelli e dal Maresciallo Walter Zanella. L’indagine che sembrava conclusa con gli arresti dello scorso 23 dicembre e il sequestro di mezzo chilo di cocaina dal valore di più 35.000 euro, ieri ha avuto un nuovo capitolo.

Da giorni, infatti, gli uomini dell’Arma hanno tenuto sotto controllo uno stabile di Ceriale, scoperto durante un pedinamento nei confronti di una delle persone indagate. I carabinieri del nucleo operativo, insieme a quelli della Stazione di Ceriale, comandati dal Maresciallo Andrea Venditto, sapevano che quella casa di via Piemonte era un buon covo, in quanto avevano visto entrare un grosso narcotrafficante marocchino già arrestato in due occasioni con grossi quantitativi di hashish: si tratta di Younes Saouabe, 35 anni. Anche questa volta, visto che i trafficanti criptavano con sms indecifrabili le loro comunicazioni secondo un codice prestabilito, i militati hanno deciso appostarsi e mimetizzarsi nei boschi vicini l’abitazione e con potenti cannocchiali aspettare il momento propizio.

Dopo giorni di pioggia e attesa ieri pomeriggio verso le 16:00 l’arrivo di un’auto Megan con un uomo a bordo di origine slava: una rapido controllo della centrale operativa ha accertato che l’intestatario del mezzo era un albanese residente a Torino, Edmond Venari, 30 anni. Quando l’uomo, sceso dall’auto, si è diretto verso l’abitazione monitorata è scattato il blitz dei militari. Nel marsupio di Venari è stato rinvenuto mezzo di chilo di cocaina purissima.

L’arresto movimentato dell’albanese ha messo in allarme il trafficante marocchino che si è dato alla fuga, ma gli altri uomini dell’Arma che avevano circondato la zona e la presenza dell’elicottero in volo ha fatto subito cadere in trappola il fuggiasco. Nell’appartamento cerialese sono stati rinvenuti 15.000 euro in contati, ovvero quanto pattuito per il pagamento dello stupefacente. Per i due arrestati l’accusa è di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Salgono così a 19 gli arresti, 55 mila gli euro sequestrati e sei le autovetture confiscate durante tutta l’indagine “Snake” coordinata dal sostituto procuratore Chiara Venturi della Procura di Savona. Nel corso dell’operazione dei carabinieri sono stati posti sotto sequestro anche 11 telefoni cellulari usati dalla gang di spacciatori per le loro comunicazioni “criptate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pirata
    Scritto da pirata

    Grazie Andrea, Ceriale sarà più sicura …..