IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mobilitazione studenti di medicina, Montaldo: “Piena condivisione alla protesta”

Più informazioni su

Regione. “E’ indispensabile che Governo e Parlamento rivedano nel loro insieme i tagli contenuti nella legge di stabilità che portano a 2000 i posti per i medici specializzandi in Italia a fronte di oltre 7.000 laureati, con una portata devastante per i giovani medici e per la sanità in generale”. Lo ha detto l’assessore alla salute della Regione Liguria e presidente del comitato di settore Regioni-sanità, Claudio Montaldo dopo aver ricevuto questa mattina una delegazione di laureati in Medicina e aspiranti specializzandi genovesi che chiedono un aumento dei fondi destinati alla formazione specialistica all’interno della Legge di Stabilità in discussione alla Camera.

“Condivido in pieno la loro protesta sugli inadeguati finanziamenti delle borse di studio di formazione specialistica per i giovani medici – ha detto Montaldo – Ogni anno infatti si laureano in Italia oltre 7.000 medici, ma quest’anno a causa dei tagli i posti in specialità diminuiascono scendendo a 2000 dai 4.500 dello scorso anno. Numeri che condannerebbero due terzi dei medici ad emigrare, essendo la specializzazione un titolo indispensabile per accedere alla professione nel servizio sanitario nazionale”. Un fatto molto grave, secondo il vicepresidente e assessore alla salute, Montaldo, tenendo conto anche della penalizzazione che la Liguria, più di altre regioni in Italia, ha subito nel 2013 con una decurtazione dei posti di specialità del 18%, rispetto all’anno precedente.

“Oltretutto – continua Montaldo – lo Stato italiano fa un investimento di circa 200 milioni di euro portando alla laurea in Medicina i nostri giovani, a cui si aggiunge l’investimento delle famiglie. In questo modo non solo si tagliano le gambe ad un’intera generazioni, ma non si riusciranno piu’ a gestire le strutture sanitarie, visto che un terzo dei medici del nostro servizio sanitario nazionale andrà in pensione nei prossimi anni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.