IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltrattamenti a madre e sorella disabile, albenganese a giudizio con il marito: chiesto il rito abbreviato

Albenga. A maggio scorso erano stati arrestati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare del gip Fiorenza Giorgi per maltrattamenti familiari e abbandono di incapace. Una vicenda per la quale ora una coppia di Albenga è a giudizio in tribunale a Savona. Stamattina è stata celebrata un’udienza del processo che li vede imputati e il loro difensore, l’avvocato Nazareno Siccardi, ha chiesto che vengano giudicati con un rito abbreviato condizionato.

Marito e moglie sono accusati di aver maltratto la madre ottantenne e la sorella disabile della donna, che vivevano con loro ad Albenga. Secondo quanto viene contestato ai coniugi, le due donne avrebbero infatti subito continui insulti, minacce, prese in giro e schiaffi. Le due sarebbero anche lasciate da sole in casa per ore, pur essendo incapaci a provvedere a se stesse. Accuse che, già davanti al gip, erano state respinte dall’imputata che aveva negato comportamenti violenti verso la madre e la sorella ed avrebbe fornito una sua spiegazione su come realmente sono andate le cose.

A smentire questa versione ci sarebbero però delle immagini riprese da una microtelecamera installata nella casa dai carabinieri. L’occhio elettronico avrebbe infatti ripreso alcune delle scene violente che avvenivano tra le mure domestiche. Proprio i filmati dovrebbero essere visionati in aula visto che una delle “condizioni” richieste dall’avvocato Siccardi per il rito abbreviato è stata quella di poter riprodurre i video in tribunale. L’altra invece è stata di ascoltare come testimone una delle presunte vittime degli abusi.

A denunciare la coppia, in un primo momento, erano stati i vicini di casa che spesso sentivano lamenti e urla provenire dall’alloggio, poi anche l’anziana madre si era rivolta ai carabinieri, così come i responsabili dell’associazione che aveva in cura la figlia disabile. Prossima udienza del processo a marzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.