IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lutto a Finale per la scomparsa del monaco benedettino Padre Gregorio foto

Più informazioni su

Lutto a Finale Ligure per la scomparsa di Padre Gregorio Carlo Penco, storico monaco benedettino di Finalpia che se n’è andato a 87 anni. Bibliotecario, storico e studioso, conosciuto per la sua longeva attività archivistica al Monastero dei Benedettini di Finale Ligure, uno dei più antichi in Liguria e in tutta Italia. Per anni ha conservato un immenso patrimonio culturale, protagonista di numerose conferenze e appuntamenti culturali e religiosi. Di origini genovesi, era arrivata a Finale nel 1949, ordinato sacerdote il 9 agosto del 1953.

Nel suo necrologio una frase di John Henry Newman: “Il Signore mi sostenga durante tutto il giorno fino a quando si allungano le ombre e viene la sera e zittisce il mondo irrequieto e svanisce la febbre di vita ed è compiuto il mio lavoro. Allora nella sua misericordia mi conceda un alloggio sicuro e un santo riposo nella pace”.

Il rosario sarà recitato questa sera e domani alle ore 20:30 presso il Monastero di Finalpia. I funerali saranno invece celebrati sabato 14 dicembre, alle ore 10:00, nella Chiesa di Finalpia.

Nato a Genova l’8 ottobre 1926, professo per Finalpia il 10 ottobre 1949, padre Penco fu ordinato sacerdote il 9 agosto 1953. Il monaco benedettino è ben noto non solo nell’ambiente monastico, ma anche nel mondo della cultura. Formatosi all’Istituto salesiano Madonna degli Angeli di Alassio ha completato la sua formazione umanistica con la laurea alla Facoltà di lettere nell’Università di Genova proseguendo poi, la formazione teologica a Roma nel Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo.

In questo Ateneo ha insegnato per lunghi anni storia e spiritualità monastica, materie di cui era prestigioso rappresentante in tutto il mondo accademico. Collaboratore e animatore della “Rivista liturgica”, nata e curata dai monaci di Finalpia, ha dato il suo apporto prezioso a varie iniziative e pubblicazioni: il “Centro storico benedettino italiano”, le riviste “Benedectina”, “Studia Monastica”, “L’Ulivo”, “Ora et labora” lo hanno avuto collaboratore costante e ricercato. Le sue opere principali riguardano la storia dei monachesimo e della Chiesa in Italia. Ha pubblicato una ventina di volumi e circa cinquecento articoli su riviste specializzate e di alta divulgazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.