IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Natale solidale a Loano: parte del fondo cassa ex gruppo del Pdl va in beneficenza

Più informazioni su

Loano. In occasione delle feste natalizie il sindaco e gli assessori del Comune di Loano che aderivano al Popolo della Libertà hanno deciso di devolvere in beneficenza parte del fondo cassa a disposizione derivante dalle contribuzioni volontarie: dal sindaco Luigi Pignocca, dal vicesindaco Remo Zaccaria e dagli assessori Ino Tassara e Luca Lettieri che mensilmente versano una parte dell’indennità di carica al conto del PdL Loano e dalle contribuzioni di Consiglieri Comunali ed iscritti.

Ieri l’assessore ai Servizi Sociali Luca Lettieri e il consigliere Ccomunale Giovanni Battista Cepollina si sono recati in un market di Loano, l’Eurospin, che ha contribuito all’iniziativa applicando uno sconto ai prodotti, viste le finalità benefiche, per acquistare generi alimentari di prima necessità da distribuire alle tre parrocchie cittadine.

180 kg di pasta, 60 kg di riso, 250 litri di latte, 20 kg di caffè e poi olio d’oliva, biscotti, 230 confezioni di tonno sott’olio, 100 kg di passata di pomodoro e altri prodotti a lunga conservazione sono stati consegnati ai parroci delle parrocchie di San Pio X, Santa Maria Immacolata e San Giovanni Battista che provvederanno alla distribuzione alle persone bisognose.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Spero che vadano effettivamente ai bisognosi e non a persone che mandano fior di rimesse in patria per poi farsi mantenere con gesti di carità da parroci, onlus e associazioni di volontariato. In secondo luogo spero inoltre che questi prodotti culinari vadano effettivamente ai bisognosi e non finiscano nelle tavole dei ristoranti per il cenone di Capodanno spacciati magari per menù tipici locali o nel nome di Eat Italy.