IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Jolly Nero, parla un superstite: “Le luci non ci fecero vedere la nave”

Più informazioni su

Genova. Per la prima volta uno dei superstiti della tragedia di molo Giano, a Genova, dove persero la vita nove persone. Giorgio Meo, militare della capitaneria di porto, racconta le ore precedenti allo schianto della Jolly nero contro la torre piloti, il 7 maggio scorso.

”La maledizione è che tutto è avvenuto al cambio turno. Si devono controllare carte e registri e si accendono le luci. Al buio si vede tutto. Ma quando illumini, la luce si riflette sulle vetrate e fai fatica a vedere fuori. In condizioni normali avremmo visto la Jolly Nero avvicinarsi alla torre, avremmo capito per tempo cosa stava succedendo e ci saremmo salvati tutti”.

”Là in cima – racconta il militare – era bellissimo, sembrava di essere alla Nasa. Eppure oggi sono tormentato da tanti piccoli segni che forse erano segnali. Negli ultimi mesi un gabbiano planava tutti i giorni attorno alla torre, passava davanti alle nostre finestre e girava la testa verso di noi. Sembrava triste, come se sapesse qualcosa. Quella sera ho preso il telefonino e ho mandato a mia moglie e mio figlio un messaggio con scritto ‘Vi amo’. Non l’avevo mai fatto”.

Il militare racconta anche i momenti dello schianto e i giorni successivi. ”E’ la fine, ho pensato. Io sono qui e loro no. Questa è la colpa. Non si può spiegare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.