IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il popolo dei Forconi si mobilita anche a Savona: la “rivoluzione” del 9 dicembre in piazza

Savona. Senza partito, senza bandiere, ma carico di protesta: difficile definire il cosiddetto popolo dei Forconi che animerà lo sciopero del 9 dicembre. E’ un’iniziativa spontaneista basata sull’insoddisfazione verso la classe politica, sul malcontento e sulla rabbia; oltre al “ritorno” alla sovranità popolare, propone anche la sovranità monetaria.

L’idea degli organizzatori è ambiziosa: “Bloccheremo l’Italia da Pordenone alla Sicilia. Non se ne può più di Unione Europea, di Angela Merkel, di ‘fiscal compact’, di ‘stabilità’, di Letta, di Alfano, di Bilderberg”.

L’invito è manifestazioni pacifiche, senza intemperanze né vandalismi. Nel volantino diffuso anche nel Savonese si legge: “L’Italia si ribella e scende nelle strade e nelle piazze. Contro il far-west della globalizzazione che ha sterminato il lavoro degli italiani, contro questo modello di ‘Europa’, per riprenderci la sovranità popolare e monetaria, per riappropriarci della democrazia, per il rispetto della Costituzione, contro un governo di nominati, per difendere la nostra dignità”.

I promotori sottolineano che si tratta di una manifestazione apartitica e pacifica, invitando a scendere in piazza con il tricolore. I toni sono comunque vibranti, tanto che nello stesso volantino è citata una frase di Sandro Pertini: “Quando un governo non fa ciò che vuole il popolo va cacciato anche con mazze e pietre”. Non a caso a diffondere il tam tam degli aggiornamenti in rete è quello che si definisce “Coordinamento nazionale per la rivoluzione 9 dicembre”.

La protesta e l’iniziativa nascono dal movimento (originariamente composto da agricoltori, pastori e allevatori) guidato in Sicilia da Mariano Ferro, che ha proclamato un blocco generale per replicare quanto accaduto nell’isola nel gennaio del 2012, che vide per nove giorni la paralisi di strade e raffinerie. Ma l’appello alla mobilitazione si è presto diffuso coinvolgendo cittadini di ogni parte d’Italia.

Il 9 dicembre dei Forconi a Savona è previsto inizialmente con il punto di aggregazione in piazza Sisto IV e poi con un sit-in dalle ore 8 in piazza Saffi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. .
    Scritto da .

    Via i forconi che non rappresentano nessuno e che si torni a lavorare. I golpe lasciamoli fare ai paesi del terzo Mondo e non facciamoci ridere dietro.

  2. Scritto da kenshiro

    Charlie Brown, saresti così gentile da indicarci “il modo” giusto?

  3. unbe
    Scritto da unbe

    il consiglio è quello di fare provviste alimentari perché se veramente riusciranno a coinvolgere gli autotrasportatori le merci non arriveranno più, e il blocco sarà effettuato ad oltranza.

  4. Scritto da charlie brown

    Uno sciopero che invece di colpire i potenti va a colpire chi quel giorno non potrà muoversi o si troverà in difficoltà. Se l’idea è quella di ribellarsi, questo non è il modo

  5. Scritto da Roberto Scarlatta

    Prima o poi i forconi si trasformeranno in fucili… dobbiamo uscire dall’Euro o prevedo una guerra civile.