IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gagliano arrestato in strada: “Dispiaciuto per aver tradito la fiducia della dott.ssa Verrina e del dottor Mazzeo”

Mentone. “Sono dispiaciuto per aver tradito la fiducia della dottoressa Verrina e del dottor Mazzeo”. Queste le prime parole di Bartolomeo Gagliano all’avvocato Iavicoli. Lo ha riferito lo stesso legale che ha parlato telefonicamente con Gagliano.

Secondo quanto si apprende Gagliano è stato catturato mentre camminava per strada: “Abbiamo riconosciuto prima lui poi abbiamo trovato l’auto” ha detto un investigatore che ha preso parte alla cattura dell’evaso. Gagliano non è quindi stato catturato in un albergo come sembrava in un primo momento.

Nato nel 1958 a Nicosia (Enna) e trasferitosi da piccolo in Liguria con la famiglia, Gagliano ha commesso il primo omicidio a 22 anni, spaccando con una pietra la testa a Paolina Fedi, prostituta trentenne. Poi l’ospedale psichiatrico, le evasioni, il sodalizio criminale con Francesco Sedda, l’assassinio di un transessuale e poi di un travestito, il tentato omicidio di un’altra prostituta.

Fini’ in carcere dopo essere stato fermato ad un posto di blocco: in auto gli trovarono bossoli calibro 7.65 sparati dalla stessa pistola che aveva ‘firmato’ i delitti. Ma la sua carriera criminale non si conclusa qui: negli anni seguenti si susseguono rapine, stupri, estorsioni, aggressioni, oltre a detenzione di droga, armi ed esplosivi. In ultimo l’evasione con la rapina ed il sequestro di persona ai danni del panettiere di Lavagnola. Ora per Gagliano si dovrà attendere l’estradizione dalla Francia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sierravictor

    E due funzionari che lo hanno lasciato libero? Ovviamente promossi ad altri incarichi più remunerati come la consolidata tradizione italiana

  2. Scritto da GM

    A ceffi di questo genere basterebbe mettere una corda al collo e lasciarli penzolare dal primo albero!!!! Basta spendere soldi per il loro recupero!

  3. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Bene! Ora date a lui le chiavi del carcere e chiudeteci la dottoressa Verrina e il dottor Mazzeo.