IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, proseguono i black out elettrici: disagi per albergo, sette palazzi e attività commerciali

Finale L. Prosegue in alcune vie di Finale Ligure il black out elettrico che ha interessato la cittadina del ponente savonese nella giornata di Natale a causa della forte ondata di maltempo, con piogge intense, mareggiata e forte vento. Per molti finalesi è stato un Natale al buio. Ma i disagi sono proseguiti anche per Santo Stefano con uno stop all’energia elettrica anche di otto ore. Le vie interessate al disservizio sono in particolare via Genova, ai numeri civici 2, 4, 6, 8 e 10, in corso Europa ai numeri civici 3 e 5, ed una una parte di Via Porro

Problemi anche il giorno 27 dicembre, con altri due pesanti black out di circa tre ore, con disagi per gli alberghi e le attività economiche: nella zona interessata ci sono 7 palazzi ed un hotel ed alcuni esercizi commerciali.

Il giorno seguente è di nuovo mancata la corrente nella zona due volte. Infine, quando sembrava che la situazione fosse tornata alla normalità, ecco oggi di nuovo al buio per altre tre ore.

“E’ incomprensibile come vi sia corrente in tutta la zona e manchi solo a noi. In questo periodo sono stati fatti degli allacci volanti e poco controllati a giostre che sono sulla passeggiata di fronte alla zona interessata. Il comico è che sulle giostre non manca corrente e noi siamo al buio. Gli uomini dell’Enel sono intervenuti almeno una decina di volte ristabilendo l’energia ma purtroppo il problema persiste” afferma Giovanni Capra, titolare dell’Hotel del Bambino.

“Questi continue mancanze hanno provocato danni in ogni casa ed inoltre per noi è una questione di immagine: non è possibile far venire in vacanza delle famiglie con i bambini e non garantire l’energia pubblica. Il riscaldamento si ferma ed ogni tipo di servizio viene a mancare. Nessuno dell’Enel ci ha contattato per farci sapere cosa sta succedendo e come ci dobbiamo comportare per i giorni a venire”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    non solo a finale ….
    e non solo per risolvere danni causati da imprevedibili eventi …
    in lombardia …. un paio di giorni fà per due ore tra le 20.30 e le 22.30 …. via corrente, via riscaldamento, cena a lume di candela ….. per un intervento … programmato … almeno pare ….. un intervento che in altri orari non avrebbe danneggiato la popolazione in generale … ma “probabilmente” solo qualche azienda che avrebbe chiesto un indennizzo …
    .
    capita che questi “gestori” un pò pubblici (quando fà loro comodo) e privati (sempre quando risulta loro più opportuno)
    agiscano sospendendo il servizio a loro piacere senza avvertire alcuno … per ore ed ore …..
    attività programmate … ma messe in opera senza alcun preavviso.
    .
    Bisogna ripensare a questi servizi a queste aziende a partecipazione pubblica ..
    bisogna fare una scelta … o sono pubbliche
    oppure private … senza alcuna presenza pubblica al loro interno …
    .
    in modo tale che il “pubblico” possa operare per evitare abusi agli utenti “indifesi”.
    .
    Comunque …. probabilmente nei prossimi tempi la dipendenza dai gestori di questi disservizi dovrebbe cessare ….. se per il 2020 saranno in. commercio batterie auto in grado di fornire conuna carica l’autonomia per 1300 km (operazione già fatta a livello sperimentale) batterie in grado di garantire per 25 anni un ciclo di carico/ scarico giornaliero ….
    beh con questi strumenti …. i gestori dei cavi … non saranno più indispensabili.