IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Favoreggiamento pedofilia: slitta l’inizio del processo a don Fusta

Pietra Ligure. Slitta l’inizio del processo che vede imputato Don Luigi Fusta, l’ex sacerdote della parrocchia pietrese di San Nicolò, accusato di favoreggiamento personale di un pedofilo. Il dibattimento si sarebbe dovuto aprire questa mattina davanti al giudice Francesco Meloni, ma a causa di un difetto di notifica è stato rinviato al prossimo gennaio.

A decidere sul rinvio a giudizio per Don Fusta era stato il giudice Fiorenza Giorgi lo scorso ottobre. Al religioso viene principalmente contestato il fatto di aver consigliato alla madre della giovane vittima di non sporgere denuncia alle autorità. I fatti presi in esame risalgono al 2006: al centro dell’episodio c’era una ragazzina dodicenne che, secondo l’accusa, venne palpeggiata da un sessantenne loanese, amico della famiglia, che si era detto disponibile a far compagnia alla piccola a letto con l’influenza.

Don Fusta inizialmente era stato assolto dal gup Emilio Fois, ma la sentenza era poi finita in Cassazione e di lì il fascicolo era tornato a Savona dove poi in seconda battuta era arrivato il rinvio il giudizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Dai! Non raccontiamoci musse ben sapendo di raccontarcele a vicenda. Il Don gradiva la carne giovane e i genitori facevano come le tre scimmiette. il Don elargiva…aiutava il prossimo, come gli ha insegnato Gesù…e ai genitori comodava; “Pecunia non olet” dicevano i romani. Poi evidentemente qualcuno e/o qualcosa si è rotto; magari gli elargimenti erano diminuiti…la crisi economica…chissà. Dai, ripeto, non raccontiamoci musse.