IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cenone di Natale lontano dalla crisi: un dono per 150 “savonesi” in difficoltà

Savona. L’albero di Natale, la musica, piatti fumanti e tanta partecipazione. Perché la crisi potrà anche aver svuotato i portafogli ma non ha certo consumato sentimenti quali la speranza e la solidarietà.

caritas

E così ieri sera presso il ristorante “A cà me” nel centro commerciale il Gabbiano si è svolto il cenone più “gustoso” di questo Natale 2013, che sapeva “di buono” e di sentimenti positivi. Circa 150 persone che, grazie all’iniziativa del locale savonese insieme alla Caritas, hanno potuto sedere allo stesso tavolo assaporando gratuitamente i piatti della tradizione nostrana. C’erano famiglie di ogni nazionalità, compresi italiani, che, forse, fino a qualche anno fa, mai avrebbero pensato di andare a rimpolpare le fila degli indigenti. E così i sentimenti che si percepivano tra quei tavoli erano discordanti (c’è anche chi si è sentito a disagio davanti a macchine fotografiche e telecamere pronte a riprendere un’iniziativa lodevole) ma su tutti regnava una grande dignità.

“Potremmo dire che la festa della Caritas non conosce crisi – dice Marco Berbaldi, presidente della Fondazione Comunità e Servizi della Caritas savonese – In generale, alcune famiglie ci chiede viveri, l’accesso al cibo è diventata una difficoltà. Si registra una pressione sempre più crescente al centro d’ascolto Caritas e ai servizi sociali di famiglie che oggi sono in difficoltà. E’ bello che un imprenditore, oggi, metta in campo le proprie risorse per chi è meno fortunato”

“Abbiamo contribuito per quello che ci è poossibile regalando i prodotti necessari per la cena: la nostra speranza è che ci sia un seguito. Abbiamo voluto dare vita a una serata in allegria anche per i disagiati che hanno bisogno di un grande e affettuoso augurio” commenta Cosimo giudice del centro commerciale “Il Gabbiano” di Savona.

I ringraziamenti degli organizzatori vanno poi, oltre all’Ipercoop, anche al centro “Tre esse sicurezza” e ai volontari e allo staff della serata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sirius b

    Grazie per quello che fate, ci vorrebbero piu’ imprenditori cosi’ !