IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arresto di Gagliano, il day after tra sollievo e indagini per ricostruire le ore in fuga: l’evasione era stata progettata

Genova. Il permesso, l’evasione, il sequestro, il furto dell’auto e il peregrinare per le strade liguri. Giorni di paura. Recriminazioni, critiche nei confronti del sistema penitenziario e di quel Mazzeo, direttore del carcere di Marassi, che in poche ore è stato rimosso e che è diventato il primo colpevole del misfatto.

arresto gagliano

Nelle ore dopo la cattura un particolare in più: Bartolomeo Gagliano aveva progettato l’evasione. Lo sottolinea il gip Adriana Petri che ha emesso la misura di custodia cautelare in carcere e il mandato di arresto europeo per Bartolomeo Gagliano. La prova il fatto che il serial killer si era allontanato con tre borsoni che aveva lasciato nei pressi dell’abitazione della madre.

E mentre non solo la Liguria, ma gran parte dell’Italia tira un sospiro di sollievo (compresi il Ministro della Giustizia della Cancellieri) i nuovi reati contestati sono sequestro di persona, rapina dell’auto aggravata dall’uso dell’arma, porto e detenzione illegale di arma ed evasione.

La competenza dell’inchiesta è genovese ed è condotta dal pm Alberto Landolfi. Nell’ordinanza di custodia cautelare il gip evidenzia l’estrema pericolosità di Galliano che ha alle spalle condanne per tre omicidi, reati per i quali era stato giudicato totalmente incapace di intendere e di volere al momento del fatto oltre ad altri reati tra cui due tentati omicidi, rapine ed estorsioni per i quali è stato condannato, apparentemente, essendo capace di intendere e di volere al momento del fatto.

Nell’ordinanza il giudice sottolinea che l’individuazione di Gagliano era stata fatta sulla base del racconto del panettiere che era stato sequestrato a Savona e rilasciato a Genova. Il panettiere ha raccontato di essere stato avvicinato alle 6,15 del 17 dicembre scorso in via Gioberti.

Il sospiro di sollievo lo ha tirato anche Giuseppina, la madre di Bartolomeo. Lo dice il nipote del serial killer: “Non sappiamo quanto resterà in Francia. Ma la cosa più importante come ha detto la nonna è che lui stia bene e non abbia fatto del male”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giudice
    Scritto da Giudice

    “Per lui le porte del carcere non si riapriranno tanto presto”. Così termina il commento della cronista a cui aggiungo il mio “Ne siamo proprio così sicuri?”.
    E una domanda: Com’è che uno commette 5 tra omicidi e tentati omicidi e risulta totalmente insano di mente e poi rinsavisce e non sconta condanne per quei reati? Non sarebbe opportuno e logico condannarlo anche per quelli?

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    Chissà se in quei borsoni caricati sull’auto durante il sequestro a mano armata del panettiere non ci fossero delle specialità culinarie siciliane o altre regalìe da dare in “beneficienza” tramite il Direttore (o forse già ex Direttore) del carcere oppure tramite le guardie penitenziarie a qualche associazione no-profit ma che magari poi non si trova, non si rintraccia, non vogliono cibarie…mah. Siccome in Italia si accontentano tutti soltanto di tanti sorrisi e strette di mano…