IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alluvione Varazze, 19 interventi di messa in sicurezza. La Regione: “Soddisfatti” foto

Più informazioni su

Varazze. “Gli interventi effettuati dalla Provincia di Savona e dal Comune di Varazze e presentati questa mattina testimoniano il grande lavoro compiuto per la messa in sicurezza del territorio del ponente ligure devastato dall’alluvione del 2010, grazie ai 13,5 milioni di euro erogati dal commissario delegato della Protezione civile, Claudio Burlando”.

Lo ha detto l’assessore regionale all’ambiente, Renata Briano quest’oggi nel corso della presentazione di tutte le opere effettuate per ripristinare i danni sul territorio di Varazze dovuti all’alluvione del 2010, alla presenza del presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, del sindaco di Varazze, Giovanni Delfino e del presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza.

Messa in sicurezza della frana più imponente, ripristino della viabilità, consolidamento del territorio, arginature di fiumi, rete di regimazione delle acque per un totale di 19 interventi di cui 8 ad opera della Provincia di Savona e 11 del Comune di Varazze a cui si deve aggiungere anche la messa in sicurezza del torrente Teuro, che scorre al centro della cittadina, grazie ad un finanziamento regionale di 7,2 milioni di euro.

“Siamo soddisfatti – ha spiegato Briano – perché siamo riusciti ad intervenire su un’area molto complicata, dando risposte concrete al territorio che a questo punto verrà messo in sicurezza definitivamente, ponendo fine anche ai problemi idraulici esistenti”. Le opere già concluse verranno presentate alla popolazione sabato prossimo alla presenza di tutte le istituzioni.

“Abbiamo presentato un programma di interventi, in parte già attuato, per mettere in sicurezza il comune di Varazze, in particolare la collina e il fondo valle. In fondo valle l’intervento è finito con la messa in sicurezza del torrenti Teiro e Arzocco per un investimento di 7 milioni di euro. Sulla collina, devastata dall’alluvione 2010, sono in corso una serie di 19 interventi, in parte finiti e in parte in corso, per 13 milioni di euro, per un totale di 20 milioni destinati a una zona molto in difficoltà che adesso viene messa totalmente in sicurezza” ha detto oggi il presidente della Regione, Claudio Burlando.

Il programma degli interventi è iniziato a gennaio 2013 e si concluderà, secondo l’impegno delle amministrazioni locali, entro dicembre 2014. Gli interventi totali sul territorio, sommando quelli del comune di Varazze e della Provincia di Savona, sono 19. Tre di loro sono già finiti, 4 sono in corso e 11 in previsione. L’insieme ha impegnato fondi della Protezione Civile attribuiti alla gestione commissariale di Burlando per 13 milioni e 549 mila euro, di cui 7 milioni e 472 destinati alla Provincia di Savona e 6 milioni e77mila euro al Comune di Varazze.

Le violente piogge sul territorio varazzino del 4 ottobre 2010 provocarono numerose frane e danni alle infrastrutture pubbliche sulle alture di Casanova e nel centro abitato. L’attività commissariale di Burlando insieme con gli enti locali – Provincia di Savona e Comune di Varazze – si è orientata verso la messa in sicurezza del territorio con interventi mirati al consolidamento dei fronti franosi, all’adeguamento idraulico degli attraversamenti e al ripristino della viabilità.

In questa direzione Provincia e Comune hanno così diviso le loro azioni di intervento: la Provincia di Savona si è occupata delle strade provinciali n. 57 e 542 con interventi di consolidamento delle sedi stradali franate e del loro ripristino, dell’adeguamento idraulico e della messa a regime delle acque di superficie, del ripristino delle barriere paramassi e di sicurezza; il Comune di Varazze si è occupato del ripristino dei danni sui rivi Galli, Mola, Cavetto, Garombo e dei torrenti Arzocco e Arrestra attraverso il ripristino delle opere danneggiate e l’adeguamento idraulico dei ponti e delle tombinature interessate dall’evento.

Inoltre, è stato responsabile del ripristino della viabilità comunale (Via Costa, Canavelle, Sciandra, etc.) nonché dell’eliminazione del rischio nel centro abitato attraverso la demolizione e la ricostruzione del ponte di via Marconi, l’ampliamento del ponte di via Bruzzone e di via S. Caterina, lo scolmatore del rio Garombo nel Teiro e l’abbassamento dell’alveo tombinato del torrente Arzocco.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.