IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, “fame” di case popolari: l’appello dell’ex assessore Ciangherotti

Albenga. “La città di Albenga ha bisogno di nuova edilizia popolare. Lo dimostra la fila chilometrica di questi giorni presso i Servizi Sociali a ritirare le domande per la casa popolare”: a lanciare l’allarme è l’ex assessore Eraldo Ciangherotti.

“Mi spiace andare contro gli interessi di illustri onorevoli del territorio, troppo impegnati magari a gestire la propria società immobiliare, ma la questione è della massima urgenza ed è un problema che riguarda tutti – prosegue Ciangherotti – Le fasce deboli vengono sfrattate dagli alloggi in affitto per morosità e non riescono a trovare altra sistemazione abitativa, perché impossibilitati a sostenere le spese accessorie e il canone di un nuovo contratto di locazione”.

Prosegue l’ex assessore: “Governatore Burlando, se non glielo chiede la sinistra albenganese per conflitto di bottega, la invito io a rivedere ed aggiornare la legge regionale N°10 sull’edilizia residenziale popolare, soprattutto sui criteri di assegnazione degli alloggi a chi non può permettersi affitti a libero mercato. Il mondo è cambiato negli ultimi anni, anche in Liguria, anche ad Albenga. E la congiura economica che stiamo vivendo è catastrofica per molta nostra gente. Oggi, con l’attuale legge regionale, abbiamo tante famiglie liguri che si recano presso lo sportello Arte a presentare domanda per la casa popolare e non sanno neppure se ci siano appartamenti liberi e in quale numero e con quale capienza”.

“Nei criteri di assegnazione del punteggio, poi, non vengono conteggiate e tenute in considerazione le spese condominiali che, a volte, superano di molto il canone annuale di affitto. Entro il 12 di questo mese, nell’Albenganese, scadrà il bando 2013 e, quasi certamente, alla fine avranno presentato istanza all’Arte almeno cinquecento utenti, sempre che non si siano scoraggiati nella trafila burocratica prima di arrivare allo sportello di accettazione”.

“Ad Albenga, nei cinque complessi principali oramai ultradatati (via Viveri – Via Giotto – Via Romagnoli – Via Partigiani – Via Manfro e Merlini) sono stati assegnati, negli ultimi anni, alloggi a stranieri residenti, in possesso di carta di soggiorno o solamente del permesso di soggiorno biennale, con contratto di lavoro fisso. Senza che l’amministrazione comunale potesse opporsi e con la tacita benedizione della Regione Liguria. Mentre le case popolari dovrebbero essere assegnate solo a cittadini italiani ed a cittadini stranieri diventati italiani con decreto ministeriale. Chiediamo pari opportunità, senza discriminare gli italiani, come succede nel caso di un punteggio preferenziale per gli stranieri che hanno la residenza nel Comune da oltre 5 anni. Non esiste che ad Albenga vi siano alloggi vuoti e non assegnabili per anni, perché la Regione Liguria non stanzia soldi per adeguarli alle normative di sicurezza vigenti. A costo di ridurre il valore delle opere in appalto gestite dall’Arte di Savona, la Regione Liguria trovi la strada per permettere a chi è assegnatario di alloggio ERP di poterselo sistemare autonomamente, producendo idonea attestazione agli uffici responsabili e magari scalando dai canoni mensili le spese sostenute per la manutenzione iniziale” conclude Ciangherotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da notorious

    @bandito in Danimarca, Olanda e Svezia esiste una regolamentazione sul numero di proprietà che si possono tenere sfitte. Non sono paesi comunisti. Sono paesi democratici.

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Scusa, notorius, mi dici in che paese puoi occupare la proprietà altrui e fare avere anche dei guai alla vittima?
    Non credo a Cuba, sicuramente non in nord Corea, mi pare di aver esaurito i paesi comunisti.
    Sono curioso.

  3. Scritto da asia

    Bravo!!!!!!! Anche a loano devono capire che c’e la fame di case popolari ce ne sono quattro messe in croce e tra l’altro da anni sempre occupate dalle stesse famiglie di generazione in generazione!!! Ce la crisi e la fame…devono fare qualcosa!!!!!!!!

  4. Scritto da notorious

    4 alloggi messi in croce contro centinaia di appartamenti sfitti??!
    Fan bene quelli che li occupano.
    In alcune Nazioni di questo vasto mondo, se sei senza un tetto e con famiglia, e dall’altra parte vi e’ chi possiede numerosi appartamenti ma li lascia volutamente sfitti, entri in casa, cambi la serratura e chiami la polizia per denunciare il fatto. Ed e’ il proprietario, a questo punto, che rischia. La puzza che esce dall’italia ci fa credere che tutto il mondo puzza cosi’ differenziandosi solo per lievi sfumature.
    A detta di alcuni, pare che si sia costruito troppo in liguria negli ultimi 40 anni. Sempre gli stessi sostengono che non c’e’ molto spazio per costruire in liguria.
    Oggi sembra che solo l’edilizia possa dare un po di lavoro.
    Vi riempite la bocca di buonismo e caritas umana per fare alla fine sempre i soliti giochetti.
    Mi chiedo se siano dei velati spot pubblicitari oppure credete veramente alle cazzate che dite?!
    Ah gia, che stupido che sono.
    mi sfuggiva la frecciata all’agente immobiliare.