IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, “parla” la polizia municipale: “Questa amministrazione deve rispettarci”

Alassio. “Professionalità infangate per giustificare scelte politiche”: la polizia municipale alassina chiarisce in un comunicato la propria posizione nei confronti dell’amministrazione comunale che, tramite i giornali, ha parlato di un “Comando allo sbando” e di una difficile riorganizzazione dello stesso.

“Abbiamo letto sui giornali notizie di ogni genere sulla Polizia Municipale di Alassio esatte e non, sicuramente poco lusinghiere nei confronti di chi da anni svolge con impegno, passione e professionalità questo ‘mestiere’ – si legge nella nota – In particolare pare che l’amministrazione comunale di Alassio preferisca usare questo canale per comunicare le proprie decisioni ai diretti interessati e a coloro sui quali ricadranno comunque i loro effetti. Lo spirito di questo comunicato è quello di chiarire a coloro che lo leggeranno la nostra situazione proponendo una chiave di lettura di alcuni fatti alternativa a quella sinora data”.

“Nel maggio scorso durante il governo della città da parte del Commissario Prefettizio era stato bandito un concorso per l’assunzione in mobilità di 3 operatori di categoria C (agenti), di cui uno in sostituzione di altro operatore che se ne sarebbe andato per mobilità interna, ma a giugno la neo eletta amministrazione comunale ha revocato detto concorso – prosegue la nota – Nel mese di luglio è stata poi concessa la mobilità ad un sovrintendente verso altro Comune, e come se non bastasse nel mese di ottobre, è andata via un’altra unità per mobilità interna, oltre a quella concordata di cui si è detto sopra; infine è scaduto il contratto a tempo determinato di altri 3 operatori (tutti impiegati esclusivamente per i servizi esterni) ed il risultato di tutto ciò sono state pesanti ripercussioni sui turni e sui carichi di lavoro del restante personale”.

“Detto questo riteniamo quindi che l’espressione usata dal vice sindaco e riportata dai giornali quando asseriva di aver trovato al loro arrivo un ‘Comando allo sbando’, non sia corretta, infatti questa amministrazione al suo arrivo ha trovato un Comando ‘in affanno’, che dopo le decisioni ed i fatti suddetti si è trovato in enorme difficoltà. Si è riusciti a fare fronte a tutto ciò ed a garantire comunque il servizio richiesto esclusivamente grazie all’impegno e allo spirito di sacrificio di tutti. Giova forse ricordare che la Polizia Municipale ha competenze in numerose materie: viabilità (legata anche a numerose manifestazioni sportive, religiose, ludiche, di protesta ecc), infortunistica, protezione civile (in occasione dell’ultima Allerta 2 di Natale l’ufficio è rimasto aperto 24 h su 24), commerciale, annonaria, edilizia, accertamenti anagrafici, rilascio contrassegni ed autorizzazioni, per non parlare delle varie attività delegate della Autorità Giudiziaria, ed altre ancora”.

“Spiace apprendere dai giornali che la professionalità e l’impegno profusi da tempo vengano così dimenticati o peggio infangati per giustificare scelte politiche. Il Comando è composto da persone, non semplicemente da ‘teste’ come si legge nella pianta organica, padri e madri di famiglia che ciascuno con il proprio contributo, in primis Comandante e Vice Comandante, hanno sopperito alle carenze di cui abbiamo detto, lavorando con dedizione ed in gruppo. Sarebbe un bel segnale da parte di questa amministrazione, in un momento di così profonda crisi dei valori, non mortificare persone motivate e preparate ma piuttosto premiare la competenza, la correttezza e l’impegno che tutto il personale della Polizia Municipale di Alassio ha da sempre dimostrato nei confronti dei cittadini e delle varie amministrazioni che si sono succedute, compresa ovviamente quella presente, magari non solo con poche parole riportate su un giornale. Infine relativamente alla decisione, seppur legittima, di non voler riconfermare l’incarico di Comandante a Fabrizio Pampararo, ci sentiamo di dire che non ne comprendiamo le motivazioni, forse perché nessuno ce le ha fornite, o forse perché in tanti anni di lavoro al suo fianco abbiamo potuto apprezzarne la serietà, la competenza ed il profondo rispetto per la divisa che indossiamo, valori a nostro avviso importanti per la guida di un Corpo di Polizia Municipale” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Biagio MURGIA

    Concordo con quanto detto nel comunicato dal personale della Polizia Municipale di Alassio e hanno tutta la mia piena solidarietà. Il comando di Polizia Municipale è sempre stato considerato “FIGLIO DI UN DIO MINORE” a cui riservare solamente i resti dei bilanci comunali e non da ora; infatti hanno divise e mezzi datati e ogni volta che un agente a tempo determinato va via, si spartiscono le divise, cercando di rinnovare quelle poche di cui sono in possesso. “IL MODO DI APPARIRE E’ IL MIGLIOR MODO DI ESSERE” ma sembra che a questa amministrazione non gliene frega niente…SOLIDARIETA’ ALLA NOSTRA POLIZIA MUNICIPALE…