IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, il vice sindaco Zioni ribatte alla polizia municipale: “Sono stati gli agenti a chiedere la sostituzione del comandante”

Alassio. “Quando noi siamo arrivati in amministrazione, ci aspettavamo di dover risolvere qualsiasi tipo di problema tranne quello del comando della polizia municipale. Invece siamo stati subissati da numerosissime richieste di trasferimento che arrivavano proprio dal corpo della polizia municipale. E’ bene spiegare che noi amministratori, questa estate, abbiamo incontrato decine di volte gli agenti che ci chiedevano a gran voce la sostituzione del comandante. Non volevano più lavorare con lui”. Così il vice sindaco di Alassio Monica Zioni risponde alla polizia municipale alassina.

“E’ paradossale che gli stessi oggi chiedono le motivazioni di questa sostituzione. Noi abbiamo sostituito il comandante solo perché lo hanno chiesto gli agenti. Noi non ci saremmo mai sognati di togliere un comandante di Alassio e farne venire uno da fuori. Personalmente ho sempre avuto un ottimo rapporto con il comandante attuale ma quando ci siamo resi conto che la situazione creatasi all’interno del corpo non era più gestibile, abbiamo ceduto alle richieste pervenute”.

“Tutto questo non era stato detto, fino ad ora, perché per noi il problema doveva risolversi in maniera serena. Ma se la Polizia Municipale esce con un comunicato stampa di questo tenore, è bene dire la verità. Visto l’atteggiamento ed il comunicato, è bene che tutti sappiano come stanno veramente le cose. E sempre perché si sappia tutta la verità, quando si parlava di ‘Comando allo sbando’ non lo si diceva in senso generale ma veniva specificato che il Comando dei Vigli Urbani di Alassio era allo sbando per via delle molteplici richieste di trasferimento ricevute e, soprattutto, per il grande malcontento nei confronti del comandante”.

“Nel medesimo testo da cui sono state estrapolate queste frasi ad hoc, veniva anche elogiato l’operato di tutti gli agenti della polizia municipale di Alassio per il lavoro effettuato. Non si può prendere una parte di un discorso e manipolarlo a propria discrezione per perseguire i propri comodi, travisando i fatti. Soprattutto, non si può chiedere a gran voce di cambiare il vertice di un comando e poi pentirsene” conclude la Zioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.