IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, beccaccia contro i vetri di una scuola: altro soccorso dell’Enpa

Più informazioni su

Savona. Una beccaccia, uccello selvatico che vive in stagni e torrenti, si è schiantata contro le vetrate della scuola Calandrone, nel quartiere savonese di piazzale Moroni.

E’ accaduto ieri e,” inadempiente la Provincia che non rispetta le leggi che le impongono di soccorrere gli animali selvatici feriti o in difficoltà, è stata soccorsa dai volontari della Protezione Animali; il bel volatile aveva un lungo squarcio nel petto ed il veterinario ha dovuto cucirlo con una decina di punti” afferma l’Enpa in una nota.

“Ora è in cura presso la sede dell’Enpa e, appena guarito, verrà rimesso in libertà in una zona protetta ed idonea al suo ambiente di vita. Superano i milleseicento gli animali selvatici soccorsi quest’anno dall’Enpa, associazione privata di volontari che non ha mai avuto finanziamenti dalla Stato” conclude l’associazione animalista savonese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. marco1
    Scritto da marco1

    Vive in stagni e torrenti??? Ma anche questa informazione proviene dall’enpa???? La beccaccia vive prevalentemente nei boschi.Forse l’avete confusa con il beccaccino….o peggio,con un’anatra….

  2. Scritto da iceman

    ……… Sarà vero???? Mah!!!!
    Vorrei ricordare a chi non lo sapesse ,che la beccaccia ( scolopax rusticola) è un migratore molto astuto che si guarda molto bene dall’avvicinarsi ai centri abitati……

  3. Scritto da carlitos

    il bel volatile aveva un lungo squarcio nel petto ed il veterinario ha dovuto cucirlo con una decina di punti” afferma l’Enpa in una nota. Per poi mangiarsela

  4. gds
    Scritto da gds

    una vergogna!!! ma non lo sapevano quelli che hanno avuto la bella pesata di costruire una scuola lì, che il 23 novembre 2013 sarebbe passata una beccaccia????

    Ma dai….povera bestiola, ma che notizia è????

  5. Scritto da re-corona

    oramai siamo alla frutta se non intervengono i volontari sia dalle piccole cose che nelle grandi cose questa nostra ITALIA affonderebbe.Il nostro e un popolo basato da gradi persone con un gran cuore distrutto da una banda di mangioni schifosi.