IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mattia Noberasco: “Lavori a Carcare procedono, 2013 anno in crescita: buone prospettive per il futuro”

Carcare. “Oggi non siamo ancora in grado di dare una risposta sulla data di avvio operativo dello stabilimento. I lavori stanno andando avanti. Ovviamente l’aspetto climatico è importante, perché se piove tutto l’autunno dovremmo ritardare di qualche mese. Il cantiere, comunque, procede secondo i programmi. L’obiettivo rimane quello di essere operativi entro la fine del 2014 o, al massimo, entro il primo trimestre del 2015”. Lo ha detto Mattia Noberasco, direttore generale della Noberasco Spa, che ha fatto il punto sui lavori nel cantiere del nuovo stabilimento industriale a Carcare, in località Paleta.

Famiglia Noberasco

“Alcuni lavoratori si avvicinano a casa, in quanto abbiamo già alcuni dipendenti della Valbormida a Vado, per altri si tratta di uno spostamento, ma abbiamo già studiato le soluzioni logistiche per evitare che ci sia un aggravio dei costi a carico dei lavoratori. Speriamo che siano tutti contenti” ha specificato il dg della Noberasco.

Quanto alla situazione complessiva dell’azienda: “Il 2013 sta andando molto bene e stiamo crescendo, sia in Italia che all’estero, e questo è di buon auspicio per il futuro. E’ il mercato della frutta secca in generale che sta riscontrando aumenti importanti. Cavalchiamo l’onda dell’incremento. Riteniamo che il 2014 sarà altrettanto positivo. Certamente con il trasferimento industriale alle porte dovremo essere bravi a gestire la parte operativa. Ma siamo abbastanza fiduciosi sul fatto che i prossimi anni possano rappresentare una crescita significativa per il nostro settore” conclude Mattia Noberasco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Osservatore Critico

    Concordo sulla bassa qualità dei prodotti Noberasco, ed avendo lavorato per pochi mesi a Vado con loro non dico cosa avviene con gli scarti e con la frutta finita accidentalmente per terra. Credo che si trasferiscano in Valbormida per diminuire i costi di gestione, altrimenti non si spiegherebbe l’abbandono della sede di Vado che é logisticamente perfetta per un’azienda del genere.

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    Non ho nulla contro la frutta secca, le ananas e le banane Noberasco però se dovessi dare un feedback sulla sia qualità lo darei molto basso. Non è assolutamente frutta di prima qualità. Ma nel ponente è oligarca e allora la frutta Noberasco diventa per forza ottima! Ma come mai questi riccastri liguri si stanno spostando in Val Bormida? Cosa c’è sotto? Questi non muovono un chiodo se non ci guadagnano in modo spropositato…strano.