IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, operaio arrestato per maltrattamenti in famiglia: botte e minacce alla convivente

Loano. E’ stato arrestato questa notte dai carabinieri per il reato di maltrattamenti in famiglia. In manette è finito un operaio di 42anni, tratto in arresto dai militari al termine di una furibonda lite con la convivente nella quale ha percosso a più riprese la donna e l’ha minacciata di morte. L’episodio si è verificato nel loro appartamento di Loano.

Sono stati i vicini di casa, allertati dalle urla della donna, a chiamare i carabinieri: una volta sul posto i militari sono riusciti a placare il 42enne, prima di portarlo nella cella di sicurezza in attesa del processo per direttissima presso il Tribunale di Savona.

Resta da accertare se quello di questa notte sia stato solo un episodio isolato oppure se la donna sia stata vittima di altre violenze nei giorni e nelle settimane scorse. La moglie dell’uomo, una casalinga, è stato poi accompagnata in ospedale per le cure del caso.

Questa mattina, dopo il processo per direttissima, il quarantaduenne è stato scarcerato, ma con il divieto di avvicinarsi alla casa familiare. Il processo, vista la richiesta di termini a difesa, riprenderà invece martedì prossimo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lally

    Mi congratulo col giudice che l’ha liberato, così magari la prossima volta l’ammazza sul serio questa povera signora. Se fosse sua figlia avrebbe agito nello stesso modo??? Che schifo la magistratura e le leggi italiane.

  2. Scritto da cui prodest?

    ma buttate via la chiave della cella di sicurezza e dimenticalo là!!!