IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il P.1HH ha volato per la prima volta, il velivolo drone della Piaggio Aero è realtà

Finale Ligure/Genova. Il 14 novembre 2013 entrerà nella storia dell’industria aeronautica italiana e in particolare nel cuore dell’industria ligure. IVG.it può svelare in anteprima che il primo volo “top secret” ha avuto esito più che positivo. Ieri il drone P.1HH nato sulle basi del Piaggio Aero P180 ha effettuato il suo primo volo autonomo. Da una base militare in Sicilia il più anziano dei collaudatori della Piaggio, ed unico ad essere certificato per questo tipo di operazioni, con in mano un semplice joystick e comodamente seduto nella sala di controllo, ha fatto decollare verso il mare aperto il prototipo di quello che potrebbe essere il gioiello sul quale la Piaggio Aero si giocherà gran parte del suo futuro.

Un volo sopra il mare tra la Sicilia e il nord Africa, 10 lunghissimi minuti senza nessun tipo di evoluzione particolare ma “semplicemente” un girotondo con l’atterraggio dolce sulla stessa pista dove il P.1HH aveva preso il volo. Il nuovo velivolo a pilotaggio remoto (VPR) Piaggio Aero P.1HH “HammerHead” – Unmanned Aerial Systems (UAS) è quindi diventato realtà.

A voler essere precisi questa è stata la seconda volta che il P.1HH si è staccato dal suolo. La prima era stato per un breve “salto” su una pista in Sardegna dove aveva eseguito le manovre di decollo e atterraggio, raggiungendo la ragguardevole altezza di 10 mt.

Quello che gli ingegneri e gli operai Piaggio Aero sono riusciti a fare è quasi miracoloso visto che in meno di 30 mesi si è arrivati dalla carta al primo volo effettivo. Il velivolo è il secondo prototipo realizzato ed è un “tradizionale” P180 executive completamente riadattato alla funzione di drone, tanto che non sarebbe neanche possibile pilotarlo dall’interno del veicolo.

Prima di arrivare alla produzione di questo velivolo militare ad elevate performance operative adatto a missioni di sorveglianza, intelligence e ricognizione (ISR), manca ancora molto, ma è certo che il risultato ottenuto ieri potrebbe rappresentare la chiave di svolta per l’azienda aeronautica proprio nella sua fase più delicata, dopo il recente aumento di capitale con conseguente spostamenti sempre più verso l’Asia della catena societaria e la riapertura del cantiere di Villanova D’Albenga prevista per queste settimane.

Prodotto in collaborazione tra Piaggio Aero Industries e Selex ES, era stato presentato ad IDEX 2013, il salone della difesa e della sicurezza ad Abu Dhabi, e proprio a febbraio era stata data la scadenza del 2013 come l’anno del primo volo. E da ieri si può dire che l’obiettivo è stato raggiunto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrhide71

    Il p180 un drone?? Ma se si sente arrivare da km di distanza!!! Boh….

  2. Scritto da voce vera

    Ora che vola speriamo non prenda nuovi orizzonti, visto che Piaggio non e più Italiana…