IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, inaugurata la nuova Fortezza di Castelfranco: “Bellezza culturale e turistica”

Finale si riappropria della Fortezza di Castelfranco. Oggi pomeriggio alle 15 e 30 il taglio del nastro del lungo lavoro di restauro, alla presenza del presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, dell’assessore regionale Angelo Belrangieri, della sovrintendente ai Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria Maria Luisa Papotti e del sindaco di Finale Flaminio Richeri.

WP 20131109 15 50 34 Pro

A tagliare il nastro è stata l’ingegner Anna Testa, figlia dell’ingegner Renato Testa, mancato recentemente, che aveva curato insieme all’architetto Donatella Del Bono i progetti esecutivi degli interventi di restauro in precedenza eseguiti a Castelfranco.

“Una bella emozione da finalese vedere Castelfranco finalmente restaurata e che torna nella sua bellezza alla città di Finale – afferma Berlangieri -. Un intervento di restauro fatto in grande stile: una risorsa importante per i finalesi e per i turisti, per uno dei beni culturali più belli della Liguria”.

“Un intervento di recupero importante per la città di Finale Ligure, uno dei risultati delle numerose risorse arrivate dalla Regione grazie ai fondi europei – sottolinea Claudio Burlando -. Castelfranco sarà nuovamente una attrattiva turistica importante”.

Il restauro e il risanamento conservativo sono stati effettuati con particolare attenzione durante l’esecuzione dei lavori: non sono stati effettuati scavi, gli intonaci antichi sono stati conservati e consolidati, le nuove porzioni di muratura e di intonaco sono state realizzate con malta di calce senza l’introduzione di leganti cementizi, le nuove porzioni murarie sono state realizzate esclusivamente con mattoni pieni di tipo tradizionale, legati con malta di calce idraulica e naturale, mentre le tracce del vissuto dei manufatti sono state mantenute in sito e restaurate. Gli allestimenti museali saranno completati entro giugno 2014.

Nella fortezza di Castelfranco sono già stati eseguiti tre interventi finalizzati al restauro e al suo recupero a uso museale e culturale, su progetti esecutivi affidati all’architetto Donatella Del Bono e all’ingegner Renato Testa.

Il primo lotto di intervento, relativo al recupero a uso pubblico e turistico del piazzale del Belvedere e delle sale adiacenti all’ingresso, fu intrapreso nel 1994, mentre il secondo intervento, relativo al recupero di alcuni corpi di fabbrica del lato nord, fu ultimato nel mese di ottobre 1998. Mediante questi interventi venne dato quindi inizio al restauro conservativo, che ha consentito l’apertura al pubblico di una consistente porzione della fortezza e la programmazione, presso il piazzale del “Belvedere”, di manifestazioni di carattere culturale e turistico.

Il terzo lotto d’intervento ha invece riguardato il recupero del fabbricato a due livelli ubicato a levante del Belvedere, allo scopo di ospitare sale per il ristoro quale ulteriore motivo di richiamo. Ulteriore significativo ambito restaurato con il terzo intervento, è l’unica sala del torrione di San Bartolomeo, dalla quale i visitatori hanno la duplice possibilità di salire fino alla copertura del maschio, dal quale possono godere di un incantevole panorama della costa finalese, per poi ridiscendere, attraverso i percorsi pedonali intorno al torrione, fino alla zona nord della fortezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vic

    Fantastico Folgore !!!!

  2. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    Nella foto è possibile ammirare in primo piano sulla destra con un maglione blu un raro esemplare di Uomo inutile, dietro di lui si può notare l’assessore Regionale “mi candido in qualsiasi partito alla faccia della coerenza”, a fianco a costui un uomo con la fascia tricolore addetto alle inaugurazioni e dietro di lui il Sindaco di Finale da 10 anni e forse dei prossimi 5.
    Sulla sinistra la donna che taglia il nastro, l’unica persona più che degna di stare in quel luogo e figlia di un grande uomo Finalese.