IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Divieto di taglio del bosco nei Sic, il sindaco di Calizzano replica a Righello

Calizzano. “A nome dell’Amministrazione Comunale di Calizzano tutta e personalmente, ritengo necessario replicare al comunicato stampa diffuso ieri da Mauro Righello, formalmente quale Consigliere Provinciale del Gruppo Pd, venendo nello stesso espressamente indicati”. Inizia con queste parole la replica del primo cittadino di Calizzano Pierangelo Olivieri all’intervento del collega di Millesimo sul possibile divieto di taglio del bosco nel periodo da marzo a luglio nei siti di interesse comunitario.

“Da parte nostra e mia non entriamo in discussioni di contrapposizione e dialettica tra parti prettamente politiche, non avendone titolo, quali amministratori locali che hanno costituito un gruppo puramente civico. Proprio in questo senso abbiamo inteso attivarci, nel ruolo che riteniamo fondamentale nell’espletamento del mandata amministrativo rappresentativo conferitoci: avuto evidenza della questione dagli operatori del territorio, abbiamo raccogliendo le indicazioni che ci pervenivano (a questo preciso fine è stato organizzato l’incontro tenutosi il 5 novembre scorso) e facendo riferimento agli uffici del Dipartimento in Regione e ai nostri consueti referenti ‘territoriali’ in Consiglio, sia di maggioranza, nella persona del Presidente del Consiglio Michele Boffa, sia di minoranza, nella persona del Consigliere Maurizio Torterolo, nonché costruttivamente confrontandoci con il Corpo Forestale, nella persona del Comandante Provinciale di Savona Dottor Ciapica” spiega il sindaco di Calizzano.

“Come noto – prosegue Olivieri -, in accoglimento (così abbiamo letto nel comunicato stampa della Regione) delle istanze del territorio, tra cui è stato espressamente indicato Calizzano, la Giunta Regionale su proposta dell’Assessore Dottoressa Renata Briano nella seduta di venerdì 8 novembre scorso ha revocato la delibera 126/2007, contenente le disposizioni principalmente in discussione. Con nostra comunicazione di lunedì 11 novembre all’Assessore Briano, dovutamente inoltrata per conoscenza alle Amministrazioni del comprensorio che ci risultavano essere state interessate ed essersi attivate, nonché al Comandante Ciapica, abbiamo formalmente manifestato il ringraziamento dell’Amministrazione tutta di Calizzano per l’attenzione prestata alla problematica in oggetto e il seguito concreto e risolutivo dei profili principali dato in tempi brevissimi”.

“Come precisato, e questo è ciò che conta, per un settore di attività che nella filiera del legno, dal bosco, alla lavorazione, al trasporto, alle attività accessorie, interessa oltre mille entità produttive in provincia, aavuta concreta risposta al profilo principale, alla ‘punta dell’iceberg’, abbiamo inteso proseguire e da ciò la proposta di consolidare e periodicizzare i rapporti e gli incontri con gli operatori interessati e potere elaborare un documento da sottoporre ad Enti ed Istituzioni preposte, ad iniziare dalla Regione, coinvolgendo anche la Provincia, quale organo in oggi titolare di alcune delle competenze rilevanti, nel settore facente capo all’Assessore Revetria, al quale parimenti ci siamo rivolti”.

“Da questo è nato il secondo incontro tenutosi mercoledì 13 scorso, che non è stato affatto una ‘parata’ o ‘spettacolo circense’ come con rammarico ho rilevato essere stato definito dal Consigliere Provinciale Righello, ma invece momento di incontro e concreto lavoro in cui una settantina tra operatori, rappresentati delle associazioni di categoria, amministratori, sempre con la presenza ed assoluta disponibilità del Comandate Ciapica, fatto da evidenziare e rimarcare, hanno evidenziato diversi altri elementi da analizzare e portare all’attenzione degli Enti preposti, in primi Regione, individuando un percorso concertato con la Provincia per giungere alla realizzazione concordata del piano di gestione dei SIC di interesse, che detto Ente deve andare ad approntare. La riunione si è conclusa in maniera assai sostanziale, con la fissazione già per venerdì prossimo 22 novembre alle ore 9.30 in Calizzano del primo incontro operativo tra amministrazioni comunali, provincia e rappresentanti degli operatori e loro operazioni, per iniziare a mettere ‘nero su bianco’ quanto necessario ed opportuno” aggiunge il sindaco di Calizzano.

“Mi sia permesso osservare con rammarico come il Consigliere Provinciale Righello ritenga di potere definire inutile detto tavolo di lavoro, pur, ritengo, non conoscendone il contenuto, a fronte di quanto invece di obiettivo, come sopra precisato. Mauro Righello fa poi riferimento ad attività da lui svolta come Sindaco di Millesimo sull’argomento, con i comuni specificamente indicati di Sassello, Bardineto, Osiglia e Murialdo, ringraziando gli stessi per avere lavorato ‘…in silenzio, senza proclami…’ mi taccio su commenti più generali, evidenzio solamente come nulla fosse stato comunicato al Comune di Calizzano su questo ‘lavoro silenzioso’ che sarebbe stato condotto, in cui senza dubbio avevamo titolo di essere coinvolti da subito, quale ente ricomprendente vastissimo territorio boscato, di cui buona parte SIC, e tanti operatori, come d’altra parte noi abbiamo subito fatto, a tal fine convocando gli incontri aperti di cui sopra, a cui Bardineto e Murialdo hanno partecipato, nonché tra i primi confrontandoci proprio con il Sindaco di Sassello Daniele Bischiazzo” conclude Olivieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dusko

    Il re degli azzeccagarbugli!!!…e senza la simpatia che il personaggio di manzoniana memoria almeno ispirava.

  2. Scritto da sticci

    ma un linguaggio un attimino più semplice e comprensibile???