IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio Comunale di Giustenice, approvato assestamento di bilancio: i gettoni dei consiglieri alla Sardegna

Giustenice. “Ieri sera il Comune di Giustenice ha approvato nella seduta di consiglio comunale l’assestamento del bilancio 2013”. Ad annunciarlo è il sindaco Ivano Rozzi che spiega: “Il notevolissimo taglio dei trasferimenti al fondo di riequilibrio definitivo è stato assorbito da una meticolosa azione di taglia e cuci di almeno 40 voci del bilancio di previsione approvato nei termine della prima proroga , cioè il 1 agosto 2013, senza  alzare alcuna tassa o tariffa e senza procedere a tagli sui servizi, recuperando il fabbisogno di 44.059,17 euro a pareggio della sola variazione dovuta alla riduzione del fondo”.

“Ormai dal primo anno del mandato, la mia azione è stata più verosimile a quella di un commissario che di un sindaco. Le azioni intraprese sin dall’inizio per ridefinire l’esponenziale situazione dei residui attivi e passivi ereditata di circa 1.600.000,00 euro e il forte indebitamento del passato causa i mutui contratti dall’Ente con le successive rinegoziazioni di questi che hanno ulteriormente contratto la possibilità di spesa del Comune di Giustenice, hanno comportato il via a gestioni finanziarie che oserei chiamare straordinarie se non proprie e vere operazioni  specialistiche. Un’attività di concerto con i vari assessorati e con i settori di riferimento che si sono visti limitare al minimo le disponibilità nei capitoli di spesa riuscendo a portare avanti progetti importanti con grande volontà e competenza, segno che i progetti per avere successo camminano soprattutto sulla gambe delle persone e non necessariamente solo sulla parte economica” aggiunge Rozzi.

Il Comune di Giustenice ha anche approvato l’adesione al manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo: “Una piaga che subdolamente sta avanzando anche nelle nostre comunità creando non poche problematiche e aumentando l’onere che i servizi sociali, Distretto e Ambito dovranno sostenere, per questo auspico che anche altri colleghi aderiscano fortemente chiedendo una nuova e maggiormente rigida legge su tale settore. Se da una parte lo Stato fa cassa con il gioco dall’altra sborsa tantissimo per curare le persone che cadono vittime di questa sventurata situazione”.

A proposito della Stazione Unica Appaltante della Provincia di Savona con natura di Centrale di Committenza il primo cittadino ha detto: “Il nostro Comune ha aderito con il voto contrario della minoranza alla stazione unica della Provincia, approvando la relativa convenzione. Un ulteriore passo verso una modalità di maggiore efficienza e sicurezza che si va ad aggiungere al patto sulla legalità e sulle azioni a contrasto del malaffare. Ovviamente permangono i timori iniziali di difficile partenza di questi nuovi centri causa l’incertezza sul ruolo o meno delle Province”.

Infine nella seduta di ieri è stato discusso anche un Ordine del Giorno a favore dei Comuni Sardi alluvionati: “E’ stata da me proposto quest’ordine del giorno unanimemente condiviso e votato per devolvere il gettone di presenza della seduta di consiglio comunale alle popolazioni sarde. Un gesto con il quale, per quanto è possibile, faremo sentire la vicinanza a quei colleghi e a quelle popolazioni duramente colpite. Come nel recente passato sempre di più siamo vittime non solo del maltempo, ma principalmente delle scellerate azioni e forzature dell’uomo anche quello politico nei confronti del territorio. Al gettone della seduta odierna è stata aggiunta una ulteriore somma prelevata dal fondo costituito per le emergenze e la solidarietà dalla rinuncia alle indennità e gettoni. Verrà trasmesso alle popolazioni attraverso il corridoio messo in atto da ANCI” conclude Rozzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.