IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Canoni demaniali, presidio dei balneari sotto la Regione

Liguria. I balneari in presidio sotto la Regione Liguria il prossimo 19 novembre alle ore 10:00. E’ questa la risposta degli addetti ai lavori agli aumenti ai canoni demaniali.

“La Regione Liguria con delibera di giunta, di venerdì 8 novembre, sceglie di decuplicare la tassa regionale sui canoni demaniali delle nostre aziende portandola dal 10% al 100%, una operazione che abbiamo già definito ingiusta, incoerente ed inopportuna – si legge in una nota del Sib – Decuplicare una tassa in un momento in cui le nostre attività economiche hanno già subito l’aumento dell’IVA al 22% (le altre categorie turistiche pagano il 10% e all’estero il 6%), il raddoppio dell’IMU (imposta che paghiamo nonostante non siamo proprietari dell’area ma affittuari dello Stato), e aumenti che vanno dall’80% al 100% della Tares è chiaramente una scelta iniqua”.

“Peraltro, il canone demaniale è stabilito dallo Stato, ed è a conoscenza di tutti che a livello nazionale si stia ridefinendo la normativa che riguarda le concessioni demaniali marittime e che certamente tale legge quadro non potrà fare a meno di rivedere i canoni ad esse relativi – prosegue la nota – La tassa regionale, se applicata al 100% porterà a un raddoppio di qualsiasi cifra base verrà stabilita dalle norme nazionali. E’ inaccettabile. Non accettiamo di rimpinguare le casse regionali con 10.000.000 di euro l’anno, sebbene ci si prometta di reinvestirli in ripascimenti, non avendo la certezza di essere concessionari dopo il 2015”.

Alle 14:00, nella sede della Regione Liguria, a Genova, in piazza De Ferrari, è in programma l’incontro richiesto dalle associazioni di categoria dei balneari della Liguria con l’assessore al Demanio Gabriele Cascino per un confronto sulle problematiche del comparto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. .
    Scritto da .

    Il 19 novembre i balneari si confronteranno anche con verdi, ambientalisti e popolo. La gente comune non accetta provocazioni e proteste, soprattutto quando i balneari si lamentano dell’aumento IVA di un punto percentuale a margine di tutti gli altri privilegi. Qui non si tratta di fare di tutta l’erba un fascio, ma di smontare un sistema insostenibile, antidemocratico e illiberale.

  2. Scritto da penelope

    certo che hanno un bel coraggio a protestare , usano un arenile che è di tutti e pagano una miseria!!