IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto, dal 1° gennaio riapertura domenicale della farmacia

Borghetto. Riapre nuovamente la domenica la farmacia comunale di Borghetto Santo Spirito. Pur non essendo più obbligatoria l’apertura di almeno una struttura per ogni Comune nel giorno festivo, in quanto effettuato a livello di Ambito Territoriale Sociale, l’amministrazione comunale, grazie all’impegno del Consiglio di Amministrazione della SAEL (la società che amministra la Farmacia partecipata al 100% dal Comune) ed alla disponibilità e professionalità del personale dipendente, è riuscita a riattivare il servizio domenicale.

Sono bastate poche settimane di verifiche e concertazione con la struttura e, esperite alcune procedure burocratiche obbligatorie, dal primo gennaio sarà nuovamente possibile acquistare i farmaci anche la domenica nell’attività sita in corso Europa vicino al confine con il Comune di Loano. Con il nuovo anno l’attività osserverà il seguente orario di apertura domenicale 9,00-12,30.

Purtroppo anche l’altra farmacia ubicata sul territorio aveva optato per la chiusura festiva e quindi il servizio farmaceutico rimaneva “scoperto” nella giornata di domenica. Il disagio di doversi recare altrove per acquistare i medicinali tra poche settimane scomparirà e gli utenti ritorneranno ad avere un presidio farmaceutico aperto 7 giorni su 7.

“Un piccolo, ma importante successo, lo definisce il neo vice sindaco Mariagrazia Oliva – con delega ai servizi sociali, soprattutto perché non avrà costi aggiuntivi ne per la collettività, ne per il Comune così come neppure per la Società di gestione. Il tutto a costo zero, grazie alla disponibilità del personale che ha risposto positivamente ad una proposta del C.d.A. che, nella seduta del 25.10.2013, ha deliberato la riapertura domenicale”.

“Questa è la risposta migliore che potevamo dare – sostiene il Sindaco Giovanni Gandolfo – a chi ha definito la decisione della chiusura festiva, dettata tra l’altro da esigenze finanziarie, come un alibi per nascondere una grave e profonda incapacità a governare. Chissà – conclude il primo cittadino -, se quei soggetti, così bravi nello scrivere denigrando l’amministrazione e di riflesso l’intero paese, ne siano ancora convinti?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.