IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Viale (Lega): “La Liguria non accolga i ‘non rifugiati’, sarebbe aggravio per le fasce più deboli”

Regione. “Mentre i Governatori di Lombardia, Piemonte e Veneto si sono impegnati a non accogliere chi non è un rifugiato, come molte delle persone che stanno sbarcando in queste ore a Lampedusa, dalla Regione Liguria invece, un assessore ha invitato i Comuni liguri a organizzare l’ennesima accoglienza che comporterà un aggravio insostenibile a scapito delle fasce più deboli della nostra popolazione”. Così dichiara Sonia Viale, segretario nazionale della Lega Nord – Liguria, riprendendo quanto affermato da Roberto Maroni, Roberto Cota e Luca Zaia in occasione della manifestazione della Lega Nord per dire no all’immigrazione clandestina svoltasi a Torino.

“Vi è la chiara responsabilità della politica che continua a mandare messaggi come se potessimo accogliere tutti a casa nostra. Ormai le risorse sono finite e deve essere organizzato un sistema di aiuti a casa loro. A meno che tutto il paese non venga trasformato nella Via Turati di Genova, una strada storica della Città trasformata in un immenso suq abusivo per l’inettitudine di un Sindaco di sinistra e della sua amministrazione” conclude Sonia Viale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da svullo

    Come al solito la “Rossa” Liguria con i testa la solerte assessore Rambaudi è sempre pronta a dimostrare solidarietà nei confronti degli immigrati clandestini dimenticando che nella nostra regione ci sono moltissime persone, anziani, donne, bambini, disoccupati, che avrebbero bisogno anche loro di un contributo concreto da parte dell’amministrazione regionale. Che vergogna!!!