IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vertenza Opere Sociali Savona, raggiunto accordo tra sindacati e cda: garantita la continuità occupazionale

Savona. Si è risolta con successo la vertenza legata alle Opere Sociali di Savona. Sulla vicenda Cisl Funzione Pubblica e Cisl hanno espresso soddisfazione per il recepimento da parte del Consiglio di Amministrazione di Opere Sociali dell’accordo sottoscritto con le Organizzazzioni Sindacali il 30 settembre.

“La Cisl ha affrontato la vertenza impegnandosi nel proporre tutte le soluzioni tecnicamente possibili e quindi stando nel merito dei contenuti, senza voler alimentare strumentali polemiche, proprio per l’importanza di un risultato che doveva essere raggiunto per salvaguardare oltre 250 posti di lavoro. L’accordo consente l’applicazione, a tutti i lavoratori attualmente occupati nei servizi gestiti da Opere Sociali Servizi, della clausola sociale ovvero del mantenimento dei livelli occupazionali attuali qualora risultasse vincitore della bando di gara un nuovo soggetto imprenditoriale” spiega Domenico Mafera, segretario Cisl Fp Savona.

“L’accordo prevede altresì l’applicazione ai lavoratori di un contratto di lavoro del settore socio sanitario, sottoscritto dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. L’accordo sindacale pone le basi di un lavoro di natura contrattuale che ci vedrà impegnati appena conclusa la gara, così come in un qualsiasi attività in appalto all’atto del passaggio. La nostra attenzione sarà massima e vigileremo e lavoreremo perché il passaggio dei lavoratori tra diversi soggetti avvenga regolarmente e per il mantenimento dei livelli contrattuali in essere in un’ottica di qualità e continuità dei servizi assistenziali che vanno sempre garantiti ai cittadini” conclude Mafera.

Sulla vertenza, stamani, è arrivato anche un intervento da parte del presidente dell’Asp Opere Sociali Donatella Ramello: “Il Consiglio di Amministrazione dell’ASP Opere Sociali N.S. di Misericordia di Savona ha approvato ieri l’integrazione al bando di gara relativo alla scelta del socio operativo della partecipata Opere Sociali Servizi SPA. La modifica nasce dalla richiesta dei sindacati di includere nel contratto di servizio e disciplinare di gara una norma che rimandi all’osservanza di contratti collettivi di lavoro sottoscritti anche dalle stesse e alla opportunità di prevedere, in caso di ingresso di un nuovo socio, la continuità occupazionale per i lavoratori già oggi impegnati nella gestione delle attività di proprietà di Opere Sociali”.

“Ringrazio le Organizzazioni sindacali per il contributo offerto alla definizione di una questione così importante e difficile – prosegue il presidente Ramello -. Non esistono di fatto strumenti legislativi che prevedano forme di tutela per lavoratori che si trovano nella posizione di quelli attualmente impegnati nella gestione delle nostre strutture. Solo la comune volontà di giungere ad un accordo che privilegiasse l’interesse dei lavoratori ci ha consentito di trovare una soluzione che potrà essere utile anche in altre situazioni. A tal proposito mi auguro che la Regione Liguria voglia mettere mano ad una legge che disciplini le forme di gestione dei servizi alla persona, inserendo tutele quali quelle sottoscritte nell’accordo”.

“Con le modifiche in questione si rende necessaria la riapertura dei termini del bando. Infatti il nuovo termine per la presentazione delle offerte da parte di imprese che ne abbiano i requisiti è quello del 2 dicembre prossimo. Dopo tale data sarà una commissione di esperti a valutare le offerte pervenute ed a dichiarare il vincitore che diventerà quindi il socio operativo e di minoranza all’interno della partecipata Opere Sociali Servizi s.p.a. Le Opere Sociali sono un’Azienda sana, che ha sempre chiuso i bilanci in attivo, che cerca di gestire al meglio il proprio patrimonio ed in cui gli organi di governo (Consiglio di Amministrazione e Presidente) hanno da sempre lavorato con serietà e nell’unico interesse degli utenti. A questo proposito un ringraziamento va, da parte di tutto il CDA, alla Direttrice dott.a Mara Cervetto per l’attenta e professionale opera svolta anche in questa occasione e senza la quale non sarebbe stato possibile raggiungere il risultato atteso”.

“La parola a questo punto passa alle aziende che vorrano presentare la proprio offerta alfine di partecipare ad una esperienza che consente una gestione congiunta tra pubblico e privato di servizi particolarmente delicati quali quelli socio-educativi e di residenzialità per anziani. La qualità e l’efficienza sono le caratteristiche richieste unitamente alla capacità gestionale con l’obiettivo di migliorare ancora i servizi offerti ed il benessere dell’utenza” conclude Ramello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.