IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tnt chiude la filiale di Savona: centinaia di pacchi nel limbo del “chissà dove”

Più informazioni su

Savona. Oltre al contraccolpo occupazionale (otto esuberi più l’indotto), la chiusura della filiale savonese di Tnt sta producendo disagi per decine di aziende e privati cittadini in attesa di ricevere pacchi, in questi giorni, appunto tramite il corriere espresso.

Tutti i pacchi arrivati a Savona tra la fine della settimana scorsa e le giornate di lunedì-martedì sono finiti in un “limbo”, in una sorta di terra di nessuno sulla quale non c’è verso di avere informazioni, né si riesce a sapere quando e dove saranno effettuate le consegne.

Un’azienda in attesa di ricevere un pacco urgente da venerdì, dopo la mancata consegna (sia lunedì sia ieri) questa mattina si è sentita rispondere che il pacco era stato mandato, assieme a tutti quelli in giacenza, al deposito Tnt presso l’aeroporto di Genova.

Considerata l’urgenza, un dipendente dell’azienda è andato al deposito dove, secondo il customer care, si sarebbe trovato il plico partito da Milano. Massimo stupore quando, una volta giunto a Genova, il dipendente si è sentito dire che il plico non era a Genova ma che si trovava in un deposito “tampone” in via Rio Galletto a Savona e lì poteva essere ritirato. Meno di un’ora dopo dalla sede torinese di Tnt contattavano l’azienda per ricevere a loro volta informazioni in merito al plico e chiedendo se poteva essere loro detto dove fosse custodito.

Paradossi della logistica: la stessa Tnt ha chiesto ad un suo cliente di sapere dove fosse il pacco, che lo stesso corriere avrebbe dovuto consegnare. Una volta risolto l’arcano, all’azienda savonese è stato comunicato che la sede di Rio Galletto non è aperta al pubblico e che quindi il pacco non poteva essere ritirato; di qui la proposta di spedire il pacco da Savona a Genova anziché a nella destinazione finale in provincia di Savona, dove domani mattina avrebbe potuto essere “comodamente ritirato”.

“Purtroppo non possiamo fare altro. Ci sono centinaia di pacchi in questa situazione e non sappiamo come gestirla”: questa la giustificazione data da una responsabile della Tnt.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrscultz

    Che tristezza! Mi ricordo benissimo, negli anni ’80, la potenza di TNT, il primo corriere espresso in Italia!! In 24 ore mi consegnavano le merci da Milano a Savona…incredibile (per l’epoca) ed ora si chiude baracca…e questo voi come lo chiamate? “Progresso”??? Si stava meglio, per me. quano eravamo “meno progrediti”!!

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Le aziende di consegna rapida pacchi e pacchetti (senza escludere le poste ….) lavorano da noi in modo molto approssimativo e …. decisamente costoso
    .
    è un problema …
    .
    il “just in time” … non funziona …. ma se si ritornasse alla tenuta di. magazzini … alla gestione delle scorte e degli ordini in modo programmato … senza fretta … non sarebbe male …
    ( anche da un punto di vista occupazionale)
    .
    esistevano … e guadagnavano … molte aziende di vendita per catalogo (postalmarket, vestro, silvestri, euronova, …..) …. consegnavano e ritiravano i resi in modo autonomo … con loro mezzi ….. poi si sono affidati ad altri …. e mi pare oggi siano sparite tutte …
    .
    internet è un grosso catalogo che si svilupperà in modo esponenziale appena …. sarà risolto il problema della consegna ……
    .
    esistevano le portinerie … che ritiravano i pacchi … ma sono sparite ….
    .
    ma … domani … potrebbe intervenire la grande distribuzione
    si acquista ….. con i mezzi più svariati …. (ricordo anche il frigorifero che ordina in modo autonomo i prodotti necessari …..) ….. e quando l’oggetto arriva …. con lui un sms … . lo si và a ritirare … li dove il parcheggio è disponibile e gratuito
    .
    ma …. qualcuno potrebbe anche inventarsi una nuova attività … un piccolo locale un negozietto dove arrivano i pacchetti e dove .. si possono rtirare …. ma … con un piccolo sovrapprezzo si potrebbe avere la consegna a casa ….. come le pizze …….
    .
    Ovviamente tutto questo ha senso solo se tale sistema organizzativo si sviluppa a costo nullo per il cliente
    .
    cosa possibile ……
    .

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Buono a sapersi ………