IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio, in dirittura d’arrivo il piano industriale: entro fine mese il tavolo in Regione foto

Finale L. Entro la fine del mese di ottobre è attesa la convocazione da parte della Regione del tavolo sull’operazione della Piaggio a Finale, con il trasferimento dell’azienda aeronautica a Villanova d’Albenga e il riassetto urbanistico delle aree finalese che verranno lasciate libere dai capannoni industriali. L’indiscrezione di queste ore sembra quindi confermare gli impegni che si era assunta l’azienda: definito l’aumento di capitale da parte dei soci ed il nuovo assetto azionario, ci sarà la presentazione del piano industriale. Tra pochi giorni, quindi, ci sarà l’atteso piano industriale, che sembra essere in dirittura d’arrivo.

Naturalmente resta l’incertezza tra i lavoratori, anche se l’annuncio sulla ripartenza del cantiere a Villanova d’Albenga ha rasserenato un po’ gli animi. “Speriamo si possa concretizzare con l’azienda una programmazione su linee produttive e carichi di lavoro in grado di garantire e tutelare i lavoratori, organizzando al meglio anche i passaggi del trasferimento del sito industriale” sottolineano le organizzazioni sindacali.

Con la definizione del piano industriale dovrebbe rimettersi in moto anche l’iter per il progetto di trasformazione urbanistica delle aree a Finale Ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da voce vera

    Vedremo cosa propone questo piano, quanti esuberi, quanto lavoro saranno in grado di tenersi in casa e quanto resterà aperta. A oggi non si riesce nemmeno a soddisfare le commesse attuali per mancanza di fondi economici…