IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Operazione “Holding Sex”, giro di case squillo tra Savona e Genova: tre patteggiamenti

Più informazioni su

Savona. Giro di case squillo tra Savona, Genova e La Spezia: tre patteggiamenti nell’ambito dell’operazione “Holding Sex”. Gli imputati, tutti accusati di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, erano Andrea F., che ha patteggiato due anni senza condizionale; Stefano M., due anni con la condizionale; e Massimo P. tre anni e sei mesi.

Nell’indagine erano stati individuati anche appartamenti a luci rosse a Savona, in vico Gallico e via Pirandello, dove operavano soprattutto transessuali, ricevendo clienti ad ogni ora del giorno e della notte. Le indagini dei carabinieri, tramite intercettazioni e pedinamenti, avevano portato all’arresto di una decina di persone. Tra questi figuravano anche intermediari immobiliari che avrebbero avuto i compito di procacciare gli appartamenti da affittare ai complici i quali, a loro volta, li cedevano a prostitute (diverse sudamericane) e a transessuali.

Secondo l’accusa i fatti contestati, riferiti al periodo tra febbraio e agosto 2010, sarebbero avvenuti tra La Spezia, Savona, Genova e Firenze. Altri alloggi dove prostitute e transessuali ricevevano i clienti erano stati individuati a Genova e La Spezia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    @Marco Tirelli – “Molto spesso sono persone che non hanno trovato altre vie per riuscire a sopravvivere in questa società complicata….”
    Poverine, queste tirano su (oltreché gli uccelli) anche più di 1000 euro al giorno esentasse….è proprio dura sopravvivere in questa società complicata….(e aggiungerei del ca….o).

  2. marty74
    Scritto da marty74

    non ci sono solo donne che praticano questa professione

  3. Scritto da marco tirelli

    Mi pare che il problema, non sia di oggi.
    si sa molto bene da secoli che il “mestiere più vecchio del mondo” addirittura di portata biblica, si sia sempre servito di alloggi ove si realizzavano gli incontri del caso.
    meglio sarebbe strutturare una soluzione che sia di: Custodia, protezione, cura, e fiscalizzazione di queste attività che vedono donne esercitare tale lavoro.
    Molto spesso sono persone che non hanno trovato altre vie per riuscire a sopravvivere in questa società complicata e conseguentemente arrivano a soluzioni di questo genere.
    Meglio sarebbe, regolarizzare il tutto, portandolo alla luce del sole.

  4. Scritto da mazi

    Visto che la piaga della prostituzione non sarà e non vorrà mai essere risolta perche’ non tassare queste “prestazioni” , controllando che non ci sia sfruttamento ?