IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Per l’Expo 2015 nuovo centro fieristico per l’agricoltura a Cisano, presentato il progetto

Albenga/Cisano. Per ora è solo un progetto, presentato da un pool di imprenditori locali che a suo tempo aveva acquistato delle aree della Asl 2 a Cisano, anche se ambizioso e riguarda la possibilità di realizzare un “Expo Point” dedicato all’agricoltura, in vista dell’appuntamento di Milano del maggio 2015 ma non solo: l’obiettivo è creare un polo fieristico permanente e aperto a tutta l’Europa da lanciare proprio durante l’Expo 2015.

Un primo rendering del progetto è stato illustrato oggi pomeriggio nel corso dell’incontro “Verso l’Expo 2015: il ponente savonese tra agricoltura e turismo”, organizzato dal gruppo regionale del Pd presso la sala convegni del Centro di Sperimentazione ed Assistenza Agricola in Regione Rollo ad Albenga.

Nelle aree in questioni, da parte del gruppo di imprenditori privati, sarebbe già in corso un prima infrastrutturazione, tuttavia per realizzare un centro agricolo a dimensione europea (per ricerca e sviluppo di politiche agricole) sono necessari ingenti finanziamenti.

“E’ un progetto davvero ambizioso che darebbe lustro e grande valorizzazione anche a tutte le nostre eccellenze agricole – afferma il capo gruppo Pd in Consiglio regionale Nino Miceli, che ha introdotto i lavori del convegno -. Il progetto è già stato illustrato in sede di Ministero dagli imprenditori locali: una iniziativa privata di grande valenza pubblica, per la quale bisogna subito affrontare una verifica dei finanziamenti. La prossima settimana ne parleremo anche con il presidente Burlando…”.

All’incontro di oggi sono intervenuti anche il segretario del circolo Pd di Albenga Alessandro Andreis, l’assessore regionale al Turismo Angelo Berlangieri (che ha svolto una dettagliata relazione su organizzazione ed eventi per l’Expo 2015), l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni Barbagallo, oltre a categorie economiche, associazioni di categoria e sindacati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da daniela ceresi

    chi sono questi soggetti ? gli stessi che negli anni hanno svenduto e distrutto con le loro politiche commerciali il prodotto della piana ? speriamo che i politici non contribuiscano a fargli avere i nostri soldi per queste inizziative che non portano a niente. Hanno già buttato soldi lo scorso anno con analoga iniziativa presso il cersa andata deserta.

  2. Scritto da Droppy

    dietro a queste proposte assurde ed economicamente insostenibili c’e’ sempre la speculazione edilizia ed in questo caso con i soldi nostri….mi fa incazzare perché ci credono tutti beoti!!!!!!!!!!!!!!!!!