IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega Pro, a Savona la zona Cesarini si chiama “Alessandro”: i biancoblù battono (2 a 1) la Reggiana risultati foto

Più informazioni su

Savona. A Savona è zona “Cesarini”. Sì: Alessandro, il numero dieci biancoblù che, dopo una partita spettacolare, trova la rete che evita agli uomini di Ninni Corda la beffa di un pareggio che sarebbe stato immeritato.

La partita inizia con il ricordo della gradinata per Paolo Ponzo: “I grandi uomini non muoiono mai. Ciao Paolo”.

Ninni Corda è costretto a rivoluzionare la squadra per le assenze di Galuppo, Rais e Puccio per infortunio e Marconi per squalifica. Il tecnico sardo mette Quintavalla al fianco di Maccarrone al centro della difesa con Spirito e Giuliatto sulle fasce; a centrocampo l’unica sorpresa è Esposito con Virdis e Cesarini in attacco.

La Reggiana parte forte e al 7’ Viapiana servito alla grande da Ruopolo entra in area e calcia incredibilmente alla sinistra di Aresti un tiro sul quale il portiere biancoblù avrebbe potuto poco.

Il Savona non rimane a guardare e prova ad accelerare sull’asse Virdis – Cesarini con quest’ultimo che non riesce a crossare al centro. Passa solo un giro di lancette e Demartis costringe, su punizione, Bellucci a deviare.

La svolta sembra arrivare al 19’ quando Cesarini – Virdis scambiano in velocità con il numero 10 biancoblù che viene atterrato al limite dell’area: fallo e cartellino rosso per Piccinelli.

Il Savona capisce che ha l’occasione per portare a casa il risultato pieno. Il tiro piazzato da posizione invitante è di Demartis ma si infrange sulla barriera. E’ un buon momento per il Savona con la difesa reggiana che soffre la velocità del trio Esposito – Cesarini – Virdis. AL 24’ ancora un calcio piazzato di Demartis viene alzato in corner dall’estremo ospite.

Nonostante la superiorità numerica, la Reggiana prova a rendersi pericolosa con gli esterni che fanno soffrire gli oppositori biancoblù.

È il Savona ad inquadrare più spesso la porta e al 39’ Demartis calcia una punizione a giro che consente a Bellucci di esibirsi in una parata plastica.

È solo il preludio del vantaggio biancoblù che arriva al 42’ con un super Cesarini imprendibile per Dametto, sguscia sulla fascia e mette in mezzo per Virdis che di potenza anticipa il difensore e insacca con un fendente imprendibile per il portiere granata.

È il vantaggio per gli uomini di Ninni Corda che, dopo 1’ di recupero, vanno negli spogliatoi.

In avvio di ripresa, gli ospiti trovano subito il pareggio con un rigore discutibile.

Giuliatto su cross dalla fascia dei granata sembra controllare bene l’arrembaggio del nuovo entrato Rampi ma il terzino cade e proprio il numero 13 ospiti inciampa sul corpo del giocatore.

Il sigr. Colarossi, tra lo stupore generale, decreta il penalty che Viapiana insacca alle spalle di Aresti.

Il Savona si butta in avanti alla ricerca del nuovo vantaggio ma è ancora il sig. Colarossi a salire in cattedra al 58’ quando prima fischia un calcio di punizione dal limite e, poi, “ritratta” dando ragione al collaboratore di linee che indica la posizione di fuorigioco di Cesarini.

Ninni Corda vuole vincere e lancia nella mischia Sarao al posto di Esposito.

Il Savona è rabbioso e al 60’ ancora Cesarini vola sull’out, mette al centro dove Virdis non trova il tempo giusto per calciare, la palla arriva a Agazzi che calcia fuori da buonissima posizione.

In inferiorità numerica, la Reggiana sembra paga del pericolo scampato e si mette a difesa del proprio portiere.

Al 70’, sul corner capitan Quintavalla incorna ma la palla esce a lato.

Ninni Corda prova anche la carta “Veleno” e, proprio il giocatore comasco al 78’ ha l’incredibile palla per riportare in vantaggio il Savona qunado Cesaraini con un tiro cross costringe Bellucci a respingere sui piedi del numero 15 che spedisce alle stelle.

Ma il Savona non molla mai e con un Cesarini da categoria superiore spinge alla ricerca del meritato vantaggio che arriva all’86’ quando in zona Alessandro Cesarini trova di testa la rete che manda in visibilio i tifosi savonesi.

Il tabellino

Savona – Reggiana: 2 – 1

Reti:  42’ Virdis , 47’ Viapiana (rig), 86’ Cesarini

Savona: Aresti, Spirito, Giuliatto, Quintavalla, Maccarrone, Gentile, Demartis (71’ Cattaneo), Agazzi, Esposito (59’ Sarao), Cesarini, Virdis (90’ Carta). A disp. Boerchio, Rudi, Carta, Marras, La Rosa. All. Corda

Reggiana: Bellucci, Piccinelli, Bandini, Zanetti, Solini, Dametto, Agomeri Antonelli (46’ Rampi), Parola, Ruopolo (85’ Anastasi), Viapiana, De Silvestro (61’ Cavion). A disp. Leone, Cossentino, Cais, Capitanio. All. Battistini

Arbitri: Valerio Colarossi di Roma 2 (Donvito di Monza e Bresmes di Bergamo)

Note. Ammoniti: Zanetti (R), Solini (R), Bandini (R), Dametto (R), Demartis (S), Maccarrone (S) Cesarini (S). Al 19’ espulso Piccinelli per fallo da ultimo uomo. Angoli (5 – 2). Recupero: 1’ (p.t.); 4’ (s.t.).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.