IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega Pro, Savona senza pietà: l’ex Demartis piega (1 – 0) la resistenza del Como risultati

Savona. Il Savona non bada ai sentimenti e cala il tris. Nel calcio le emozioni, i ricordi contano niente: almeno nei 90’ di gioco.

Contro il Como è proprio un ex, Giacomo Demartis, a condannare i lariani ad una sconfitta che consente ai biancoblù di centrare la terza vittoria consecutiva.

È un Savona che sa soffrire e che ha gli uomini, vedi Demartis, per trovare le giocate che fanno la differenza e che, ormai, sembra convinta di essere in grado di recitare un ruolo importante in Prima Divisione.

La partita. Mister Corda torna a bordo campo dopo un mese di assenza. Complice la pausa del Girone A e la squalifica effetto della sciagurata trasferta di Pavia, il tecnico sardo, infatti, non “vedeva” la panchina dall’8 settembre. Dopo di allora, due vittorie importantissime contro Pro Patria e Cremonese con la “griffe” di Giovanni Mattu, il vice esordiente ed imbattuto.

L’allenatore del Savona, in avvio, recupera Quintavalla tra i convocati, e torna all’antico contro i lariani che il tecnico sardo aveva portato alla vittoria nel campionato di Serie D.

Dopo lo spazio lasciato alle riserve a Cuneo in coppa, infatti, il tecnico sardo torna alla formazione collaudata: 4 – 4 – 2 con Carta, Giuliatto, Marconi e Gentile a difendere la porta di Simone Aresti; centrocampo con Gentile e Agazzi centrali e Demartis e Cattaneo sulle fasce; in attacco Cesarini e Virdis.

La partita parte con le due squadre che, da subito, provano a giocare più che a distruggere e al 5’ la prima occasione capita a Perna che colpisce in modo maldestro dall’angolino dell’area piccola di Aresti e mette incredibilmente in rimessa di fondo.

Il Como controlla il gioco ma da un recupero a centrocampo di Cattaneo al 15’ nasce una veloce ripartenza del Savona con “Veleno” che si invola ed intelligentemente trova Gentile che entra in area ma calcia alto sulla traversa di Melgrati.

La partita rimane sui binari dell’equilibrio ma al 24’ Cesarini – già zoppicante da qualche minuto – è costretto ad uscire dal campo.

Una brutta tegola per Corda che, al posto dell’autore del gol della vittoria con la Pro Patria, manda in campo Manuel Sarao.

Il Savona prova a non farsi piegare dalla sfortuna e al 28’ sfiora la rete su calcio piazzato con Marconi che non trova il tap – in giusto sull’angolo di Demartis.

Il Savona cresce e al 33’ con un’azione prolungata iniziata ancora una volta da Cattaneo e proseguita da Carta, arriva al tiro con Virdis ma la palla attraversa tutta l’area piccola e si spegne sul fondo.

Il Como ha tanta qualità e non rimane a guardare che si spinge in avanti mettendo in difficoltà i biancoblù sulle due fasce con cross sui quali la difesa savonese libera con difficoltà.

Il Savona passa in vantaggio ma la gioia dura pochi istanti perché il collaboratore del sig. Melidoni alza la bandiera e vanifica la bella girata di Virdis. E, ancora il guardalinee, qualche secondo dopo ferma ancora una volta Virdis per un offside dubbio.

La seconda frazione parte con il Como in attacco che per poco, dopo 3’, non trova il vantaggio ma Galuppo è bravo a deviare in calcio d’angolo.

Ma il Savona non molla mai e, quanto meno te l’aspetti, trova il jolly con Demartis che calcia una punizione magistrale che si insacca alla sinistra di Melgrati. È 1 – 0!

Le Noci prova ad emulare Demartis con un calcio piazzato leggermente più defilato rispetto a quello calciato dal “tamburino sardo” ma la palla si spegne sulla barriera.

I lariani attaccano e mettono alle strette il Savona ma i ragazzi di mister Corda sanno soffrire e lo fanno con ordine costringendo gli ospiti ad uno sterile possesso palla.

Al 72’ Cristiani si invola in area ma, invece di prova il tiro, crossa al centro e la palla esce senza che nessuno intervenga.

Col passare dei minuti il forcing ospite si intensifica e la difesa savonese si trasforma in “Forte Apache”. Mister Corda decide che è arrivato il momento di mandare in campo il capitano: fuori Demartis dentro Quintavalla.

Il Savona, soffre ma alla fine, dopo 5’ di recupero, gioisce per tre punti che la lanciano a nove punti in classifica e che consentono a Ninni Corda di festeggiare la prima vittoria personale in panchina.

Il tabellino

Savona – Como: 1 – 0

Reti:  51’ Demartis

Savona: Aresti, Carta, Giuliatto, Marconi, Gentile, Demartis (80’ Quintavalla), Agazzi, Cattaneo, Cesarini (24’ Sarao), Virdis (68’ Puccio). A disp. Capello, Maccarrone, Marras, Grandolfo. All. Corda

Como: Melgrati, Redolfi (57’ Fietta), Donnarumma, Ambrosini, Giosa, Marchi, Schenetti, Ardito, Perna (67’ Defendi), Le Noci, Cristiani (80’ Gallegos). A disp. Crispino, Fautario, Scialpi, Gammone. All. Colella.

Arbitri: Melidoni di Frattamaggiore (Atta Alla Mostafa di Roma 1 e Muto di Torre Annunziata.

Note. Recupero: 2’ (p.t.); 5’ (s.t.). Angoli: 4– 6. Ammoniti: Giuliatto (S), Gentile (S), Carta (S); Marchi (C), Redolfi (C). Un minuto di silenzio in memoria delle vittime del naufragio di Lampedusa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.