IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente mortale a Villanova, rinvio a giudizio per omicidio colposo

Villanova d’Albenga. Rinvio a giudizio per omicidio colposo a carico del conducente del camion, il genovese Romualdo Montevero, che provocò il fatale incidente stradale nel quale perse la vita a soli 17 anni Giovanni Cortis, originario di Moncalieri ma che da poco più di un anno si era trasferito con la famiglia a Villanova d’Albenga.

Secondo la ricostruzione del sinistro mortale, il 9 agosto del 2005 il giovane stava percorrendo con la sua moto la strada che da Garlenda arriva a Villanova: poco prima del bivio per l’Ippodromo stava sorpassando alcune auto ma in quello stesso momento, da una delle aziende che si trovano sulla strada, stava uscendo un camion ed una delle macchine per evitare il mezzo pesante si è allargata verso sinistra, toccando così il mezzo del 17enne. Quest’ultimo era caduto ed era scivolato sull’asfalto, finendo nella corsia opposta dove stava sopraggiungendo un’auto, una Renault Megane Scenic, che non aveva potuto evitare l’impatto. Lo scontro era stato violentissimo, provocando la morte sul colpo del 17enne per le gravi lesioni riportate nell’incidente.

Il fatto risale al 2005, non è stato ancora prescritto applicando la disciplina normativa post-Cirielli, ma il giudice, durante la prima udienza del procedimento penale potrebbe valutare, bilanciando attenuanti e aggravanti, una prescrizione per il reato ascritto all’imputato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.