IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I cittadini di Quiliano ai laboratori di Protezione civile partecipata

Più informazioni su

Quiliano. Nell’ambito del progetto “Prevenzione comune”, che ha già visto svariate attività sul territorio negli scorsi mesi, si svolgeranno due incontri di discussione con i cittadini sul tema della prevenzione del rischio alluvione e della gestione dell’emergenza.

I due incontri si terranno giovedì 7 e giovedì 14 novembre nella sala consiliare di Quiliano a partire dalle 18 e saranno aperti a circa 60 cittadini che lavoreranno in gruppi aiutati da una moderatrice, che animerà la discussione e raccoglierà le loro indicazioni, che saranno poi riportate all’Amministrazione e agli altri partner di progetto.
“Prevenzione comune” è il nome di questa sperimentazione che si inserisce nell’ambito di “PROTERINA-Due”, progetto finanziato dalla Unione europea di cui sono partner la Regione Liguria e la Fondazione CIMA e il cui obiettivo principale è quello di coinvolgere direttamente e attivamente i cittadini nell’individuazione di comportamenti e di strategie da attuare nei momenti di emergenza.

“Si tratta di un’occasione molto importante per il nostro Comune perché ci consente di usufruire della competenza dei tecnici della Fondazione CIMA, e delle risorse della Unione europea per discutere con i nostri cittadini di quali siano le strategie migliori per rispondere all’emergenza e anche come lavorare sulla prevenzione” – dice il sindaco Alberto Ferrando.

Nei mesi scorsi si sono svolte attività di ascolto della popolazione e di esercitazione per testare il Piano di emergenza e ora, nei giorni 7 e 14 novembre con gli incontri di discussione verranno raccolte ulteriori indicazioni volte a migliorare tutta la procedura di emergenza e a condividere un momento di confronto con i tecnici e l’Amministrazione.
“I laboratori daranno l’occasione anche a noi tecnici di confrontarci con i cittadini rispetto ad alcune tematiche sulle quali è importante capire quale sia il sentire comune, in modo da poter articolare al meglio le attività di prevenzione e di gestione dell’emergenza”, dice Luca Ferraris di Fondazione CIMA.

Per partecipare è caldamente suggerita una conferma della propria presenza chiamando il numero 019230271 o inviando una mail all’indirizzo protezione.civile@comune.quiliano.sv.it entro il 5 novembre i medesimi contatti possono essere utilizzati anche per chiedere informazioni e avere chiarimenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.