IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Forno crematorio ad Albenga, Sel: “Giuste le paure degli agricoltori”

Più informazioni su

Albenga. Continua a far discutere l’ipotesi della costruzione di un forno crematorio nell’Albenganese (in frazione Leca, per la precisione, anche se nelle ultime ore si è parlato anche di Lusignano), anche con l’intervento degli agricoltori che lamentano un’opzione che andrebbe a minacciare le proprie coltivazioni e, soprattutto, la loro commercializzazione.

Dubbi e perplessità che vengono fatte proprie anche dal coordinamento di Sel del ponente: “Apprendiamo con con grande felicità la notizia della posizione di buon senso assunta dalle organizzazioni provinciali degli agricoltori sulla ‘nocività’ reale e commerciale della costruzione del forno crematorio nella piana albenganese – si legge in una nota – Rimane a questo punto un dubbio molto forte, sostenuto anche dal nuovo e fiammante ‘piano cimiteriale comunale’, che consente anche l’ampliamento del cimitero di Lusignano, che potrebbe divenire il nuovo sito per la costruzione del forno”.

“Noi come coordinamento di Sel rimaniamo comunque contrari alla costruzione del forno anche in altro sito rispetto a quello di Leca D’Albenga, ravvisandone la non utilità pubblica vista la costruzione di due forni di Savona. Ci chiediamo a questo punto se non sia il caso di rivedere anche i veri interessi di questa operazione: non capiamo come si possano sostenere i costi di costruzione considerando l’utenza, dopo la costruzione di Savona, oppure è la gestione cimiteriale il vero interesse? Attendiamo con ansia risposte, ribadendo il nostro sostegno al comitato territoriale che lotta con grande impegno di ricerca e analisi per difendere il nostro territorio” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sverige
    Scritto da sverige

    Non sono appassionato della Svezia, ma ci ho vissuto diversi anni,io non conosco il progetto e non volevo fare critiche,volevo rimarcare che in Italia ogni volta ci sono problemi per qualsiasi cosa si vuol fare.Poi se il progetto è cosi ampio e diventa un forno per mezza Italia, probabilmente come al solito e un “affare” ma non per gli albenganesi!!!!!

  2. Scritto da bardenolla

    Caro signor sverige presumo che lei sia un appassionato della Svezia..se vogliamo fare un paragone,pensa che proporre un progetto per un forno crematorio per bruciare tutte le salme del ponente ligure e del basso Piemonte in un unico posto sia la stessa cosa che fare un forno in ogni comune ed ognuno bruciare i propri morti?..provi a chiederlo a qualche sindaco svedese!……………..

  3. sverige
    Scritto da sverige

    ma io non so chi ha ragione, ma in Svezia ogni paese ha il suo inceneritore e non ho mai sentito nessuno che si lamentava………………………………