IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Deceduto Raffaele Apuzzo, agente della squadra mobile coinvolto in un incidente a Celle Ligure

Celle. E’ deceduto questo pomeriggio Raffaele Apuzzo, 49 anni, il poliziotto della Squadra Mobile di Savona rimasto gravemente ferito in un incidente stradale avvenuto nella serata del primo di ottobre tra Celle e Albisola, in località Pecorile.

Nel tragico impatto la sua auto, una Opel Zefira, si è scontrata frontalmente contro un’altra vettura, condotta da una ragazza di Varazze, anche lei rimasta ferita nel sinistro (dieci giorni di prognosi).

Apuzzo aveva riportato un grave lesione al fegato oltre a numerose fratture. Le sue condizioni sono peggiorate con il passare dei giorni e, nonostante sia stato sottoposto a numerosi interventi chirurgici, non ha dato segnali di ripresa.

Nelle ultime ore le sue condizioni si sono ulteriormente aggravate; dopo l’ultimo intervento era rimasto in coma farmacologico senza più riacquistare conoscenza. Questo pomeriggio i sanitari hanno dichiarato il decesso dell’uomo.

Prosegue l’indagine della polizia stradale di Savona per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente: dopo i rilievi di ieri sera, questa mattina nuovo sopralluogo degli agenti. Al vaglio anche due testimoni grazie ai quali si spera di avere elementi utili per stabilire le modalità dell’impatto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. JackRusselTerrierSavona
    Scritto da JackRusselTerrierSavona

    un forte abbraccio alla famiglia e ai colleghi…ciao Raffaele