IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cosseria, completati i lavori per la nuova rotonda foto

Più informazioni su

Cosseria. Ieri si sono conclusi i lavori a Cosseria per la nuova rotatoria realizzata per raccordare le strade provinciali n. 28bis del “Colle di Nava” e la n.11 “Marghero-Plodio-Carcare” con la strada comunale “Cà Bosi – Marghero”.

Un’opera, il cui importo complessivo è stato di 350.000 euro tra finanziamenti regionali e provinciali, progettata allo scopo di adeguare ed ammodernare la viabilità nel punto in cui confluiscono quattro strade, garantendo maggiore sicurezza in un tratto rivelatosi, nel corso degli ultimi anni, molto pericoloso e teatro di frequenti e gravi incidenti.

Presenti a Cosseria il presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza e l’assessore provinciale alla viabilità Roberto Schneck, il sindaco di Cosseria Andrea Berruti ed i tecnici della Provincia.

“Con la posa delle barriere di sicurezza e la realizzazione della segnaletica definitiva orizzontale e verticale si sono conclusi dei lavori che per il territorio di Cosseria e per il suo comprensorio rappresentano una vera e propria svolta in termini di sicurezza e viabilità” ha dichiarato il Presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza. Un progetto che ha comportato un grande lavoro ed impegno da parte di Palazzo Nervi in considerazione della pericolosità di questa via di comunicazione soggetta anche a traffico pesante”.

“Lavori che hanno dovuto tenere conto, soprattutto, della specificità dell’area che ha richiesto per la sua fattibilità adattamenti e soluzioni tecniche. Per ridurre al minimo le intersezioni stradali sono stati necessari interventi strutturali che hanno modificato l’intero impianto viario: sono stati infatti spostati i vecchi incroci, in un tratto di circa 300 mt, al fine di far confluire in un unico punto le tre strade provinciali, una comunale e una privata. Inoltre è stata predisposta la demolizione di un pontino sotto la nuova rotatoria mediante prefabbricati in calcestruzzo di cemento” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mb

    bella pensata, complimenti a tutti, ora i mezzi che arrivano da Carcare devono sperare che dopo la curva di marghero (la rotonda dista si e nò 30 mt) nn vi siano mezzi fermi e lo stesso devono sperare quelli che arrivano da Millesimo…… d’altronde il traffico roveniente da Plodio o Cosseria è incalcolabile…. POSSIBILE CHE N SI POSSANO INVESTIRE I NOSTRI SOLDI IN STRUTTURE UTILI?????