IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Corso di Laurea in Scienze del Turismo a Imperia: “Albenga presente”

Ponente. La Scuola di Scienze Sociali dell’Università di Genova, cui fanno capo i Dipartimenti di Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche e Scienze della Formazione, sta valutando la possibilità di istituire una nuova laurea triennale in Scienze del Turismo da attivarsi a Imperia, presso il Polo Universitario decentrato.

Al tavolo, coordinato dal prefetto imperiere Fiamma Spena, era presente anche l’assessore Bruno Robello De Filippis, che commenta: “Sono orgoglioso di annunciare ai nostri ragazzi che, a breve, avranno un’opportunità in più, quella di frequentare un corso di laurea in Scienze del Turismo. Sarà un corso che servirà a creare molti posti di lavoro nel settore del turismo, vero petrolio del nostro territorio”.

“Una chance da non perdere per molti giovani, per creare, in un momento di crisi come questo, veri professionisti del settore, non per un turismo mordi e fuggi, ma per un turismo maturo e culturale, volto alla valorizzazione delle peculiarità della nostra Liguria e della nostra città, dal punto di vista artistico, culturale, agroalimentare, vinicolo. Seguiranno altri incontri tecnici per definire meglio la struttura del corso triennale” conclude l’assessore ingauno.

Tutti i presenti hanno manifestato grande apprezzamento per l’iniziativa avviata dall’Ateneo genovese, nella convinzione che proprio il settore turistico rappresenti la più importante opportunità di rilancio dell’economia locale. Un settore particolarmente complesso ed articolato che va dalla gestione delle imprese alberghiere alla valorizzazione delle tipicità enogastronomiche e delle risorse ambientali e culturali. Una tale complessità richiede competenze specifiche e dunque un percorso formativo di livello universitario.

Il tavolo si è aggiornato per una ravvicinata riunione tecnica nell’ambito della quale incomincerà a essere definito l’ordinamento didattico, in modo da individuare i corsi di insegnamento più rispondenti alle competenze richieste. Gli enti locali hanno assicurato che non faranno mancare il loro apporto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.