IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio regionale, sì alla nuova legge Tpl. L’assessore Vesco: “Prospettiva per il trasporto”

Regione. “L’approvazione di oggi è un passaggio importante che arriva dopo un lungo lavoro e una lunga concertazione. Questo nuovo testo contiene un punto importante: la costituzione di un’agenzia regionale che avrà il compito di sovrintendere alla gestione del trasporto pubblico in tutta la regione di cui dovranno far parte all’atto della costituzione oltre alla regione anche le quattro province e i quattro comuni capoluogo consentendo di gestire il servizio su tutto il territorio regionale”. Lo ha detto l’assessore ai trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco questo pomeriggio commentando così l’approvazione in consiglio regionale del disegno di legge di riforma del sistema di trasporto pubblico.

La riforma del sistema di trasporto pubblico regionale e locale è stata approvata con con 19 voti a favore (centro sinistra) e 8 contrari (centro destra).

“In questo modo – ha aggiunto Vesco – attraverso l’agenzia potremo fare una gara unica per l’aggiudicazione del servizio, gestendolo in modo più’ snello e consentendo anche in buona parte il recupero dell’Iva che non è più rimborsata dallo Stato e che è diventato un costo insostenibile per gli Enti”. Secondo l’assessore regionale ai trasporti la nuova legge “mette in moto un percorso importante, in un momento in cui a livello nazionale i tagli ai finanziamenti sono sempre più consistenti, in grado di consentirci di recuperare nuove risorse che resteranno a disposizione di tutto il settore”.

Il provvedimento ridisegna il settore nel suo complesso, definendo le competenze, i ruoli e le responsabilità dei diversi attori istituzionali. Punto centrale della riforma è l’individuazione del Bacino Unico Regionale dei Trasporti (BURT) quale ambito territoriale ottimale per l’organizzazione dei servizi, il cui governo sarà assicurato dalla Regione attraverso la costituzione di un’apposita Agenzia. Tale Agenzia regionale per il Trasporto pubblico locale dovrà essere partecipata anche dagli Enti locali (Province e Comuni capoluogo) ed avrà funzioni prevalentemente gestionali. In particolare avrà il compito di bandire la gara in un unico lotto per l’affidamento del servizio, eventualmente anche ferroviario, e di gestire il successivo contratto di servizio. Avrà , inoltre, un ruolo di supporto alla programmazione che resta in capo alla Regione.

Approvati diversi emendamenti. In particolare due, sottoscritti da Ezio Chiesa (Gruppo Misto–Liguria Viva) puntualizzano il fatto che “su tutti i territori, località, paesi serviti dal trasporto pubblico all’entrata in vigore della presente legge deve essere garantita una coppia di corse”. Si ribadisce, inoltre, che ”I servizi minimi in ambito extraurbano sono definiti quali una coppia di corse di collegamento per i centri o per gli ambiti abitati con una popolazione indicativamente di 50 abitanti residenti”.

Approvato un emendamento di Edoardo Rixi (Lega Nord Liguria-Padania) , secondo il quale “La Regione promuove l’adozione di un sistema di bigliettazione elettronica integrata su tutto il territorio regionale al fine di garantire una maggiore integrazione e semplificazione dei sistemi tariffari, a seguito di una valutazione complessiva degli investimenti necessari e dei benefici rispetto ad una maggiore integrazione tra i vettori, impatto sulla accessibilità ai mezzi pubblici nonché gradevolezza d’uso da parte degli utenti”.

Approvati anche emendamenti presentati dalla giunta, da Sergio Scibilia (Pd) e Marylin Fusco (Diritti e Libertà), Alberto Marsella (Diritti e Libertà) e Nino Oliveri (Pd).

Tra gli emendamenti respinti, anche quello sottoscritto da Gino Garibaldi (Pdl), Lorenzo Pellerano (Liste civiche per Biasotti presidente) e Edoardo Rixi (Lega Nord Liguria-padania) che riduceva la percentuale massima destinata all’Agenzia regionale per il trasporto. La percentuale, contenuta nel testo approvato oggi, è al massimo il due per cento delle risorse regionali destinate al trasporto. Secondo l’emendamento sarebbe dovuto scendere all’uno per cento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.