IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cinghiali a spasso per il Finalese, Ripamonti (Lega): “Risultato dell’incertezza che vive il mondo venatorio”

Finale L. Cinghiali a spasso per le strade del Finalese, con macchine costrette a fare slalom tra esemplari anche di notevole taglia e che incutono un certo timore. Questa la situazione descritta da alcuni automobilisti che, l’altra sera, hanno percorso la strada delle Manie a passo d’uomo nel tentativo di non “imbufalire” e di non scontrarsi con gli ungulati.

“Questo è il risultato dell’incertezza che vive il mondo venatorio – esordisce Paolo Ripamonti, segretario provinciale della Lega Nord – a causa dell’indifferenza di chi dovrebbe prendere in mano la situazione. Non mi riferisco né a Provincia né a Regione, ma al governo centrale che dovrebbe mettere mano una volta per tutte alla questione e dovrebbe permettere per legge alla Regioni di decidere i calendari venatori una volta per tutte senza che questi possano essere impugnati da questa o quest’altra associazione ambientalista, con le conseguenze del caso. E’ talmente ‘italiana’ questa cosa, che sono ancor più contento di essere leghista”.

Gli “addetti ai lavori”, però, precisano: “In realtà non vedo questo sovraffollamento di cinghiali, anzi ho riscontrato proprio il contrario – precisa Giorgio Fugardo, assessore finalese e cacciatore – Poi alcuni incontri lungo le strade possono capitare, ma non credo vi sia una situazione di emergenza in questo senso. Per ciò che concerne la questione della sospensione del calendario venatorio, come cacciatore non posso che dirmi indignato. Anche perché non dimentichiamoci che chi pratica questa attività ha pagato una concessione che, alla fine, è stata negata e, dunque, dovrebbe essere risarcito. Senza contare che in un momento in cui si parla tanto di lavoro, si va a bloccare un’attività legata a un importante indotto economico che potrebbe pagare le conseguenze di decisioni più che discutibili. Ritengo che si sia compiuto un abuso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlitos

    Chi ci risarcisce le giornate di caccia sospese ? Oltretutto con il calendario sempre più corto e ridicolo?
    Apertura di caccia con infradito e bermuda chiusura di caccia anticipata

  2. Scritto da sergio3

    “un’attività legata a un importante indotto economico” :))))) ci stiamo rotolando dalle risate insieme ai cinghiali

  3. Scritto da KASPER

    Ma dai per piacere “macchine costrette a fare slalom tra esemplari anche di notevole taglia e che incutono un certo timore.” allora anche a pian dei corsi o su nella val maremola li si vede in strada una sera si e una no…e poi per come e’ intitolato l’articolo sembra che sti cinghiali siano sulla passeggiata a mare…Sono alle manie e che caxxo quello e’ il loro habitat !!

  4. Scritto da onafets

    Che notizia curiosa questa, certo che vedere dei cinghiali a spasso per le Manie è davvero singolare visto che la strada principale è immersa nei boschi che circondano l’altopiano..
    Non mi sarei meravigliato così tanto se fossero stati avvistati a Portofino.