IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cinghiali in piena Savona: monitorati a vista dai guardiacaccia della Provincia

Più informazioni su

Savona. Cinque cinghiali in piena Savona, nei pressi della vecchia sede della Polmare. I cinque esemplari – i più “piccoli” di 35 kg, gli altri di una settantina di chili, e una femmina che sfiora gli 80 kg e risulta ferita – hanno fatto la loro insolita comparsa in Riviera questa notte.

Le prime segnalazioni degli ungulati sulla via Aurelia risalgono all’una. Gli animali hanno probabilmente fatto la loro discesa dalla zona dell’ospedale, dove la polizia provinciale, nei giorni scorsi, aveva già individuato la presenza di un folto gruppo. Probabilmente si sono spaventati per il passaggio di auto lungo l’Aurelia e hanno quindi saltato un parapetto finendo nell’ex comando della Polmare.

Ora sono lì, monitorati a vista dai guardiacaccia della Provincia. “Sono storditi, alcuni presentano qualche ferita, la femmina in particolare non risulta stare bene – dice Fulvio Terzolo, comandante della polizia provinciale – Questa notte siamo stati allertati dal 112, ora aspettiamo il veterinario che dovrà anestetizzarli per poi decidere che farne: verificare in particolare se sopprimere l’esemplare che non sta bene o se sottoporlo a cure, e quando e come liberare gli altri”.

“Non è frequente che la fauna selvatica entri nei centri cittadini e, in questo caso, la competenza ad agire è dubbia – prosegue il comandante Terzolo – Probabilmentre trattandosi di un discorso di pubblica sicurezza più che di un discorso di gestione dell’attività venatoria, la competenza sarebbe più del sindaco. Comunque noi siamo operativi”.

“Noi non abbattiamo alcun esemplare, la decisione spetta ai veterinari competenti che informeranno il Comune – fa sapere l’assessore provinciale Roberto Sasso Del Verme – Se qualche associazione di volontari vorrà farsi avanti per curare l’animale ferito, ben venga, accordandosi col Comune”.

Già nelle scorse ore aveva fatto discutere quella che alcuni automobilisti avevano descritto come un’invasione di cinghiali lungo la strada delle Manie. Certamente le alture finalesi rappresentano un habitat più naturale per questi animali, rispetto alla città della Torretta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlitos

    Bravo folgore !!!!

  2. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    @Alexx o forse più semplicemente perchè essendo troppi in un proliferare senza controllo non trovano più tutto il cibo necessario?!
    E secondo te il cinghiale animale noto per scappare dai rumori, non a caso l’abbaio dei cani li fa fuggire, per scappare da un cacciatore vanno verso una città da 60.000 abitanti?
    Vale sempre il detto che prima di aprire bocca occorre verificare di aver collegato il cervello.

  3. Scritto da carlitos

    Per sfuggire dai cacciatori ahahahah ma vai a zelig cucco

  4. Scritto da briant88

    C’è chi giura di aver visto una famigliola che faceva la spesa alla Coop…..

  5. Scritto da Alexx

    ma la piantiamo con questo terrorismo psicologico da quattro soldi? e comunque se i cinghiali scappano dai boschi è per sfuggire ai cacciatori